Ducati, Jorge Lorenzo: “Che shock dopo il primo giorno!”

Jorge Lorenzo Test Sepang MotoGP
Jorge Lorenzo a Sepang (©Getty Images)

Jorge Lorenzo chiude la seconda giornata di Test Sepang MotoGP all’ottavo posto in 2:00.484. Rispetto alla prima giornata ha limato ben 0,865 secondi, ma resta molto lavoro da fare sia sul lato tecnico che sullo stile di guida.

L’ex pilota Yamaha ha chiuso con un 1″ di ritardo dal miglior crono di giornata stabilito da Andrea Iannone. Prosegue il lavoro di adattamento sulla sua nuova Ducati GP17, giro dopo giro migliorano le sensazioni, ma servirà tempo per vederlo al vertice della classifica.

“Il primo giorno sono rimasto scioccato quando abbiamo riscontrato alcune difficoltà. Ma, come mi aspettavo, era solo una questione di tempo. Ora sta diventando molto più naturale guidare la moto. Ho potuto spingere molto di più e in fretta. Il progresso è stato grande, siamo in grado di essere soddisfatti dopo il lavoro di oggi”.

Il primo settore su cui concentrare l’attenzione sarà la fase di frenata, nonostante qualche piccolo passi avanti nel day-2. “Ho potuto frenare con una distanza di frenata più breve. Devo ancora capire meglio come posso ottenere il meglio dalle gomme nuove, perché non sono più veloci che sui vecchi pneumatici, nonostante abbiano più grip. Devo migliorare certamente. Ma la moto ha molti aspetti positivi”.

Bisognerà scrollarsi di dosso le abitudini stilistiche di nove anno in Yamaha, il punto di frenata, gli inserimenti in curva. Serve tempo e lavoro, oltre ad una buona dose di pazienza contro le pressioni esterne. La pioggia e i difetti dell’asfalto di Sepang hanno frenato notevolmente il lavoro dei piloti, ma c’è stato tempo per provare le nuove gomme Michelin. “Sono più morbide, la trazione è migliore – ha concluso Jorge Lorenzo -. Hanno fatto un passo avanti”.