Nico Rosberg: “Sono campione grazie a Schumacher”

(©Getty Images)

Nico Rosberg e Jean Todt erano presenti alla consegna del premio “Keep Fighting”, sponsorizzato dalla famiglia di Michael Schumacher per premiare gli atleti che incarnano i valori del campione tedesco. Il vincitore di questa prima edizione è stata Vanessa Low, premiata da due ospiti d’eccezione come Nico Rosberg e Jean Todt.

Il presidente della FIA e il campione del mondo di Formula 1 hanno ricordato Michael Schumacher, in stato vegetativo dopo l’incidente sugli sci del dicembre 2013. Dalla portavoce Sabine Kehm e dalla famiglia non trapelano più notizie circa le sue condizioni di salute. Ma da qualche settimana è stato lanciato il motto “Continua a combattere”, chiaro segno che il sette volte campione del mondo continua a lottare per la vita.

Il ricordo di Todt e Rosberg

“Abbiamo avuto tempi incredibili, tempi buoni e cattivi”, ha ricordato Jean Todt, che ha vinto cinque titoli mondiali con Schumacher alla Ferrari. Soprattutto, i momenti difficili hanno rafforzato l’amicizia tra i due, quando nei primi anni non è riuscito a brillare con la Scuderia di Maranello. Dal suo approdo nel 1996 al suo primo titolo nel 2000 sono stati anni difficili.

Dal 2010 al 2012 Nico Rosberg ha avuto l’onore di averlo come compagno di squadra in Mercedes. “E’ stato un momento emozionante e una grande sfida. Avere un forte compagno di squadra aiuta a spingere tanto. Ho capito perchè è sette volte campione del mondo. Il suo atteggiamento, il suo spirito combattente ha preso tutta la squadra, mi ha ispirato e motivato”. Il campione in carica non nasconde che Michael Schumacher ha avuto “un ruolo non trascurabile nel garantire che io oggi sia qui come campione del mondo”.

 

Luigi Ciamburro