F1, McLaren obbligata a trovare uno sponsor entro il 2018

Che quelli attuali fossero tempi bui per la McLaren non è una novità per nessuno. Dalla partenza di Lewis Hamilton nell’ormai lontano 2012 la scuderia di Woking  ha vissuto un crollo verticale culminato nel 2015 con il finora infelice ritorno al connubio con il motorista Honda, per finire al licenziamento dello storico dirigente Ron Dennis al termine dello scorso campionato di F1.

Dopo l’abbandono a sorpresa di Vodafone nel 2013,  alla costante ricerca di uno sponsor di riferimento, il team inglese sarebbe ormai in una situazione di urgenza.

“Dobbiamo assolutamente trovare un partner entro il 2018. Non possiamo permetterci di andare oltre quella data” – ha confessato ad AutoCar il boss americano Zak Brown.

“Per quest’anno non si può fare più nulla visto che negoziare con una grossa compagnia richiede tanti mesi di impegno, tuttavia siamo già attivi per la stagione successiva che sarà quella del vero cambiamento” – ha spiegato – “Il nostro obiettivo è raggiungere un accordo pluriennale e importante. D’altronde il brand McLaren non ha pari. Ha una grande storia alle spalle, seconda forse solo a quella della Ferrari, e chi ne entra a far parte non mette soltanto il suo nome sulle fiancate ma cresce nel suo business”.

La McLaren Technology fornirà ai team di F1 i sensori del motore dal 2018 al 2020

A far da contraltare alle preoccupazioni della neo dirigenza qualche buona notizia è arrivata. La McLaren Technology, dal 2008 produttore per l’intera griglia di partenza del Circus della ECU (Unità di Controllo Elettronico), si è aggiudicata il bando aperto dalla FIA a luglio circa la fornitura di alcune parti della power unit per il tirennio 2018-2020, nello specifico per i sensori di pressione e temperatura del propulsore.

“Siamo lieti della fiducia che la Federazione ha dimostrato ancora una volta nei confronti del nostro reparto tecnologico” – ha affermato il responsabile motorsport Rodi Basso – “Noi ambiamo proprio ad assicurare alle squadre un servizio di vertice per poter progredire costantemente e deliziare i tanti tifosi nel globo”.

Chiara Rainis