F1, Lauda punge Rosberg: “Non avrebbe vinto senza Mercedes”

Nico Rosberg Niki Lauda
Nico Rosberg e Niki Lauda (©Getty Images)

Niki Lauda è stato tra coloro che ha poco digerito l’improvviso ritiro dalla F1 di Nico Rosberg. Una decisione maturata pochi giorni dopo la vittoria del titolo 2016 e che ha spiazzato tutti.

Ha spiazzato soprattutto la Mercedes, che si è trovata a dover cercare un nuovo pilota quando ormai la griglia di partenza per il 2017 era pressoché completata. La casa di Stoccarda ha dovuto compiere uno sforzo per convincere la Williams a liberare Valtteri Bottas, dopo settimane di trattative. Il 67enne austriaco, tre volte campione del mondo, non ha apprezzato la scelta improvvisa dell’ormai ex pilota. Ciò perché ha messo in difficoltà la scuderia, brava comunque a trovare una soluzione successivamente.

F1, frecciatina di Niki Lauda a Nico Rosberg

Nell’intervista concessa al quotidiano tedesco Bild, Niki Lauda è stato interpellato proprio su Nico Rosberg. Il presidente non esecutivo della Mercedes non ci è andato leggero nel punzecchiare il figlio d’arte: “Nico è notevolmente migliorato grazie al team e alla vettura, il campionato dovrebbe essere visto come una combinazione tra Mercedes e Rosberg. Senza la Mercedes, Rosberg non sarebbe stato campione del mondo”.

Secondo l’ex pilota, ci sono tanti meriti da parte della scuderia di Brackley nella vittoria del titolo da parte di Rosberg. Sicuramente il driver ci ha messo del suo, ma Lauda è convinto che senza la Mercedes non sarebbe diventato campione del mondo. Parole che in parte ci stanno. Nel senso che in questi tre anni nessuno poteva vincere guidando una monoposto diversa. Nessun’altra era all’altezza, né la Ferrari e neppure la Red Bull.

Al posto di Nico arriva Valtteri Bottas nel box e Lauda è convinto che il finlandese ex Williams possa fare bene come chi lo ha preceduto: “Trovare sostituto per Nico non è stato facile. Ora Bottas ha la possibilità di guidare la migliore macchina al mondo in F1, che porta sempre un plus per i piloti. Penso che sia bravo come Rosberg”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)