Maverick Vinales: “Rossi e Marquez grandi in frenata”

Maverick Vinales e Valentino Rossi
Maverick Vinales e Valentino Rossi (photo Facebook)

Sono bastati due giorni di test per accreditare Maverick Vinales come pretendente al trono della MotoGP. Due best lap a Valencia che hanno sconvolto tifosi e avversari. In gara sarà un’altra storia, ma l’ex pilota Suzuki sa che il tempo è dalla sua parte. Può studiare da vicino i movimenti del leggendario Valentino Rossi, in pista e ai box. Ma il suo osservato speciale è il fenomenale Marc Marquez.

Maverick non ha mai nascosto di ispirarsi ai due fuoriclasse. Non poteva prendere decisione più saggia per ambire al titolo mondiale. Il talento c’è, adesso manca l’esperienza. Potrebbero bastare poche gare o un’intera stagione per apprendere i segreti del fuoriclasse. Eppure è già rispettato dai big ed eletto tra i favoriti per il Mondiale 2017. “Ovviamente sentire questo mi dà una motivazione in più. Se i rivali ti considerano un candidato senza aver corso con la Yamaha significa che ho un buon potenziale – ha detto Vinales a Sport Rider -. Quindi sono felice e desideroso di iniziare la stagione”.

L’allievo Maverick vuole superare il maestro

Il primo passo sarà migliorare la M1 in tempi celeri, a disposizione ci sono nove giorni di test da qui all’inizio della stagione. “C’è ancora molto da migliorare… come la frenata. Questo aspetto può ancora essere migliorato, in modo da essere in grado di combattere fino all’ultimo giro. Soprattutto se devo combattere con Marc o Valentino, che sono grandi sui freni. In questa zona, dobbiamo essere forti”.

Quando si lotta al limite e sul filo dei decimi sono gli ultimi dieci giri a fare la differenza. Vince chi ha i nervi saldi, la giusta esperienza e concentrazione, chi sa gestire meglio le gomme. A dargli manforte ci sarà l’ex capo meccanico di Lorenzo, Ramon Forcada, cui spetta il compito di far esplodere il giovane prodigio. E potrà contare sulla vicinanza al box con Rossi, il primo avversario da battere, ma anche un idolo da cui imparare. “Guardo molto quello che fa e come lo fa. Lavora molto con calma e penso che è una delle sue grandi segreti”.

Che rapporto sarà fra i due sarà il tempo a dirlo. Le premesse sono buone, ma i propositi sono medesimi, quindi contrastanti. “Vedremo cosa succede in pista, dove solo uno può vincere… e voglio vincere – ha chiarito Maverick Vinales -. La lotta per la posizione, l’ultimo giro, saranno sempre uguali. Ma spero che ci rispetteremo e avremo un buon rapporto da qui fino a quando le nostre strade si separeranno”. I test di Sepang ci daranno un primo assaggio…

Luigi Ciamburro