Maverick Vinales senza paura: “Posso vincere il Mondiale”

Maverick Vinales e Valentino Rossi

Attesa finita in casa Movistar Yamaha. Il team di Iwata ha sfoggiato la livrea 2017 della M1 e presentato il suo nuovo pupillo Maverick Vinales, che esordisce finalmente con la tuta della sua nuova squadra. Il 22enne di Sabadell non ha peli sulla lingua: l’obiettivo è lottare per il titolo della MotoGP. Del resto non può essere altrimenti quando si salta in groppa alla Yamaha ufficiale.

“Per questo ho lavorato tanto e quest’anno sto lavorando tantissimo – ha dichiarato Maverick ai microfoni di Sky Sport -. Penso che è l’anno in cui sto lavorando di più. Alla fine puoi avere più fortuna o meno fortuna, ma so che se diamo il 100% possiamo lottare per la vittoria in ogni gara”.

Del resto ha giù impressionato durante il test di Valencia dello scorso novembre, mettendo tutti in riga, avversari e compagno di box compreso. “A Valencia ho pensato solo a divertirmi, guidavo con il mio stile – ha ammesso Vinales -. Mi sono divertito anche a Sepang e così siamo andati veloce”.

Sfida aperta al Dottore

E da Sepang riprenderà la stagione 2017, con i primi test in programma fra due settimane. Sarà la prima vera occasione per saggiare la YZR-M1 del 2017. “Dalla Suzuki alla Yamaha mi ha impressionato molto l’accelerazione. La Yamaha ha molto grip, ma dobbiamo migliorare ancora l’entrata in curva. Dobbiamo essere più aggressivi in questo campo se vogliamo lottare fino all’ultimo giro”.

Dopo aver trovato il miglior feeling con la nuova moto, il primo obiettivo è battere Valentino Rossi. “Vale è sempre lì in ogni gara, sarà difficile batterlo. Per farlo devo essere al 100% e fare un buon lavoro il venerdì e il sabato. Penso che quest’anno possiamo essere al suo livello e lottare per il titolo”.

Nessun problema finora con il veterano della classe regina. “Per il momento bene, vedremo dopo la gara se succede qualcosa e continuerà così. Spero di sì, sono un pilota che ha molto rispetto per tutti – ha concluso Maverick Vinales -, quindi credo che non c’è nessun problema”.