Alvaro Bautista (©Getty Images)

Alvaro Bautista è pronto all’esordio stagionale in Qatar a bordo della sua Ducati del team Aspar. Lo spagnolo sarà l’unico pilota presente in griglia ad aver corso con ben 4 costruttori diversi, avendo guidato sinora una Suzuki, una Honda, un’Aprilia e ora appunto la moto italiana della squadra spagnola.

Bautista, come riportato da “crash.net” sembra avere buone impressioni sulla nuova moto: “La prima volta che ho guidato una Ducati GP16 ho sentito subito una certa facilità di guida con il mezzo, rispetto ad altre MotoGP che ho guidato in passato. Mi piace molto questa moto, è regolare. Anche a livello elettronico l’ho trovata molto efficiente. Credo sia una moto con un grande potenziale”.

Poi il passaggio doveroso al passato: “Credo sia difficile da confrontare con le altre moto che ho guidato in passato, i miei riferimenti sono molto cambiati nel corso degli anni. Comunque ho raccolto molte esperienze. Ho imparato molto in Suzuki sulla MotoGP. Per ora credo che la Honda sia la più simile a questa Ducati, anche se il telaio della GP16 è più leggero e mi piace di più. Penso che di tutte le moto che ho guidato la Ducati è quella più equilibrata”.

Bautista vuole stare tra i primi 5

Lo spagnolo nei test privati a Jerez è stato il più veloce tra i piloti MotoGP: “Tra i test che abbiamo fatto è passato così tanto tempo, in ogni caso abbiamo imparato tanto e siamo molto migliorati, alzando sempre più il livello. Francamente non so ancora quanto posso migliorare e quale è il nostro limite”.

Poi arriva il doveroso passaggio sulla lotta per il titolo 2017: “Sarà una stagione molto divertente. Tutti questi piloti che hanno cambiato team renderanno l’inizio di stagione decisamente incerto. Poi bisogna tenere presente il fattore gomme, che l’anno scorso è stato determinato. Se riusciamo a ottenere il massimo saremo anche noi lì a combattere. Ci piacerebbe essere lì in alto tra i primi 5, credo che sia un obiettivo realistico”.

Antonio Russo