Ti piace la cannabis? Offerte di lavoro per i bikers

Cannabis
Cannabis (©Getty Images)

Se ti piace usare la moto tutto il giorno, sei una persona positiva e appassionato di cannabis, hai trovato il lavoro che cercavi. C’è un’azienda con sede a San Francisco che sta cercando pony express, sia a tempo pieno che part time. La mansione consiste nel trasportare pacchetti contenenti marijuana medica in ogni angolo di San Francisco con una moto o uno scooter.

Se preferite usare la vostra moto è previsto un rimborso sul chilometraggio, oppure la società mette a disposizione un suo veicolo. Gli attributi richiesti sono: carattere allegro, apertura alla comunicazione, spirito di squadra e di avventura. La conoscenza dettagliata delle vie della città è un grande vantaggio. Ma San Francisco è una città enorme, quindi basta anche un navigatore satellitare per arrivare a destinazione. Tutto ciò che serve è esperienza di guida.

La paga comincia con 15 dollari all’ora. Ma sono previsti campioni gratuiti e sconti generosi sui loro prodotti. Inoltre, si avrà l’opportunità di imparare tutto quello che avreste sempre voluto sapere sulla cannabis medica. Tutti gli aspetti della produzione dal seme alla vendita, offrendovi un’autentica cultura della cannabis, nuovi strumenti e tendenze. “Se ti senti pronto per questa posizione – si legge nel comunicato – la preghiamo di rispondere a questo post, inviando una breve introduzione / lettera di presentazione e il tuo curriculum. Grazie, e non vediamo l’ora di sentivi!”.

La marijuana e il Codice della Strada

Nelle ultime settimane si sta discutendo molto sugli effetti alla guida della marijuana. Secondo alcuni studi scientifici la cannabis non provocherebbe un aumento degli incidenti stradali là dove è stata legalizzata. Al contrario l’alcol aumenta il rischio di incidenti. Secondo alcuni ricercatori uno spinello non avrebbe un impatto significativo sulle capacità psicomotorie necessarie per la guida.

Infatti i conducenti sotto l’effetto della marijuana sono pienamente consapevoli della loro condizione, mentre i conducenti sotto l’influenza di alcool sembrano guidare in modo più rischioso. Il calo degli incidenti, secondo la Columbia University, sarebbe dovuta al fatto che molti consumatori di alcol sarebbero passati all’uso di cannabis dopo la legalizzazione.

Ricordiamo che in quegli Stati americani dove la marijuana è legale ci sono leggi che puniscono severamente chi viene pizzicato alla guida in stato confusionale. Inoltre il calo degli incidenti non è una regola fissa in tutti gli Stati. Del resto… perchè mandare in fumo la vita?

Luigi Ciamburro