Bagnaia: “Moto2 adatta al mio stile di guida, sono fiducioso”

Francesco Bagnaia
Francesco Bagnaia (©Getty Images)

Franco ‘Pecco’ Bagnaia nel 2017 sarà nella pattuglia degli esordienti nel campionato mondiale Moto2. Con lui nella categoria intermedia del Motomondiale esordiranno anche il team Sky Racing VR46 e il compagno Stefano Manzi.

Sarà la struttura voluta da Valentino Rossi, già presente in Moto3, una delle sorprese più attese del nuovo anno. Le moto scelte sono le Kalex, mostratesi già molto competitive in questi anni. Poi ovviamente dovranno essere i piloti e le messe a punto della squadra a fare la differenza. Il potenziale per fare bene sembra esserci. E i primi test hanno regalato sensazioni positive.

Francesco Bagnaia ottimista sul suo futuro in Moto2

Francesco Bagnaia è stato intervistato da Speedweek per parlare delle sue sensazioni in vista dell’inizio della stagione. Il piemontese sembra molto fiducioso e ottimista. Ovviamente sa che dovrà lavorare e impegnarsi tanto per poter essere competitivo, ma sa di potercela fare.

Menzionavamo prima i test positivi svolti nelle settimane scorse e proprio da lì è partito il 19enne torinese: “Sono stato molto felice per i test, perché ero veloce sia sull’asciutto che sul bagnato, è molto importante in vista della prossima stagione. In condizioni di asciutto ho potuto concentrarmi sul lavoro di impostazione, per noi è stato un grande passo avanti. Era importante per me, soprattutto, fare molti giri con gomme da gara. Sono costante sull’1’36” min e penso che sia un buon risultato per me da matricola. Anche sul bagnato ero veloce e sarà importante, perché se una gara sarà bagnata, noi siamo pronti”.

Bagnaia è riuscito ad andare bene in tutte le condizioni di pista nei test. Un segnale del fatto che il suo adattamento alla Moto2 è cominciato bene, anche se c’è strada da percorrere ancora: “E’ stato molto importante che l’ultimo test sia andato bene prima della pausa invernale, perché siamo una squadra nuova con due esordienti in questa classe. Il 2017 sarà certamente un anno interessante”.

Oltre a lui, come accennavamo in precedenza, anche il compagno Stefano Manzi e tutto il team saranno all’esordio in Moto2. Però c’è molta carica all’interno della squadra nell’intraprendere questa nuova avventura. C’è la consapevolezza sia di dover lavorare per stare con i migliori e sia di avere le qualità per farcela.

Pecco si è trovato a suo agio sulla Kalex, moto molto diversa da quelle guidata negli anni scorsi: “Mi piace la moto Moto2 molto. Lei sembra adattarsi al mio stile di guida perché ero rapido già dopo i primi giri. Questo è un aspetto importante, che mi dà fiducia”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)