MotoGP, Cal Cruchtlow propone: “Cambiamo le Qualifiche”

Cal Crutchlow
Cal Crutchlow (©Getty Images)

Cal Crutchlow propone di cambiare il regolamento delle Qualifiche in MotoGP. Il pilota del team di Lucio Cecchinello, due volte vincitore nel 2016, non gradisce l’attuale sistema.

Attualmente è previsto che dieci dei dodici posti in Q2 vengano assegnati in base ai tempi combinati delle prime tre sessioni di prove libere, mentre altri gli ultimi due sono assegnati dopo la prima parte delle qualifiche. E’ importante prestare attenzione ai propri tempi in ogni turno, per non rischiare di essere esclusi dalla Q2. Poi in Q1, essendoci solo due posti da assegnare, diventa tutto più difficile.

Cal Crutchlow contro le Qualifiche della MotoGP

Interpellato da Autosport, il sopra citato Cal Crutchlow ha espresso le sue considerazioni sul regolamento delle Qualifiche in vigore in MotoGP e pure sugli effetti che esso ha sugli altri turni di prove libere. Queste le sue parole: “Ogni sessione diventa una qualifica alla fine. E’ una perdita di tempo per tutti, ciascuno spreca pneumatici. Non gli importa se non gli restano gomme per la Q2, voglio essere solo nei primi 12 in griglia”.

Il pilota britannico mette in evidenza il fatto che per poter accedere alla Q2 c’è chi spreme tutti gli pneumatici, inoltre non c’è la possibilità di lavorare bene sulla moto, perché c’è la paranoia del tempo da raggiungere, almeno per coloro che non sono solitamente tra i primi. Il rider del team LCR spiega così: “E’ difficile, perché nessuno può lavorare e poi questi ragazzi, che magari sono sesti in griglia, sono 40 secondi dietro in gara, perché non hanno più gomme disponibili”.

Secondo Crutchlow bisognerebbe prendere in considerazione solamente i tempi in FP3 in vista delle Qualifiche finali. “Vorremmo rendere i tempi della FP3 gli unici validi. Ma non credo che succederà a causa dello spettacolo, a causa del televisore. Ogni turno di libere ora è una sessione di qualifica alla fine, è solo una perdita di tempo”