F1, motore Renault rivoluzionario per sfidare Mercedes: Red Bull da titolo?

Daniel Ricciardo Max Verstappen
Daniel Ricciardo e Max Verstappen (©Getty Images)

Il 2016 della Red Bull, anche grazie ai miglioramenti della Renault, è stato sicuramente più positivo del 2015. Daniel Ricciardo e Max Verstappen sono stati parecchio competitivi e non a caso la scuderia ha chiuso il campionato costruttori al secondo posto, davanti alla Ferrari.

E in alcune gare la scuderia di Milton Keynes ha pure dato fastidio alla Mercedes. In ottica 2017 sembra poter essere la rivale più accreditata del team campione del mondo. Anche se con i cambiamenti regolamentari è difficile fare previsioni. Bisogna aspettare i primi test per farsi un’idea e poi le gare, vero esame per tutti.

F1, Renault riporta Red Bull al trionfo?

La rivoluzione regolamentare di cui accennavamo prima riporterà l’aerodinamica ad essere centrale in F1. E proprio in quest’ambito la Red Bull ha fatto le sue fortune negli anni in cui vinceva titoli con Sebastian Vettel. E con un genio come Adrian Newey è difficile sbagliare progetto. I motori turbo, che sono stati al centro di tutto nelle recenti stagioni, saranno comunque molto importanti. E per la scuderia di Milton Keynes servirà un grande lavoro di Renault per stare al passo con la Mercedes, perché proprio il propulsore è stato un parziale punto debole delle monoposto anglo-austriache.

Se telaio e aerodinamica sono praticamente una garanzia, è sulla power unit che servono interventi per essere davvero competitivi. Sia Mercedes che Ferrari a livello di motore sono più avanti. Ma Renault sta lavorando duramente per colmare il gap. Chris Horner durante la stagione spiegava che mancavano circa 46 cavalli rispetto alle rivali dal propulsore elettrico. Oggi La Gazzetta dello Sport rivela che la casa francese è impegnata nello sviluppo di un concetto di power unit totalmente nuovo e più estremo, che però avrebbe evidenziato qualche guaio di affidabilità nelle prime prove al banco.

Entro il 26 marzo, giorno del primo gran premio del campionato F1 2017 in Australia, ogni problema dovrà essere risolto. L’affidabilità è un fattore decisivo e si può farne a meno. Renault lo sa bene, ha risorse e competenze tali da poter risolvere tutto nei tempi stabiliti. Se ce la farà, la Red Bull potrà davvero ambire a tornare a lottare per il titolo. Con due piloti forti come Daniel Ricciardo e Max Verstappen il sogno sarebbe possibile. E non bisogna scordare che la casa francese ha anche un proprio team nel Mondiale e che anche esso può di conseguenza puntare più in alto di quanto fatto nel 2016.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)