MotoGP Suzuki, Alex Rins: “Devo eguagliare i risultati di Vinales”

Alex Rins
Alex Rins (©Getty Images)

Alex Rins nel 2017 sarà tra gli esordienti nel campionato MotoGP. La Suzuki ha scelto lui per affiancare Andrea Iannone, dopo la partenza di Maverick Vinales e Aleix Espargaro.

Il vicecampione del mondo Moto2 2016 ha già provato la GSX-RR nei test di Valencia, anche se a causa di un incidente non è riuscito a completare il lavoro prefissato. Tanto dolore per il colpo subito alla schiena, con lo schiacciamento delle vertebre T8 e T12, ma senza interessamento midollare. Niente test di Jerez de la Frontera per lui, che però a gennaio sarà in pista per provare la moto a Sepang.

MotoGP Suzuki: Alex Rins ambizioso

Ad un evento dello sponsor Estrella Galicia a Madrid, il pilota della Suzuki è intervenuto per spiegare le sue sensazioni per il passaggio in MotoGP: “E’ un cambiamento nella mia vita – riporta AS -, la MotoGP è la massima serie, ciò che ogni pilota sogna. Come arrivare in Formula1.”.

Il 21enne spagnolo è molto entusiasta del suo approdo in Suzuki, dove ha l’occasione di correre con una moto ufficiale e avere tutto il supporto della casa di Hamamatsu: “La Suzuki è incredibile, il primo giorno ho provato ad andare con molta poca elettronica, ho notato un grande cambiamento rispetto alla Moto.2 Il secondo giorno sono caduto ed è stato un peccato, ma il feeling con la moto era incredibile. Adesso sono al 90%”.

Alex Rins sta lavorando per recuperare la migliore condizione fisica possibile. Vuole essere in forma per l’appuntamento di Sepang, dove si disputeranno i primi test ufficiali del 2017. Bisogna farsi trovare pronti, anche perché i test sono pochi e vanno sfruttati al meglio. Sarà importante evitare cadute e infortuni, che portano via molto tempo e un pilota esordiente non può permetterseli.

Inoltre ci sarà un inevitabile confronto tra lui e i piloti che lo hanno preceduto in Suzuki, in particolare Maverick Vinales. Ma lui si sente convinto di poter fare bene. E’ molto ambizioso per il futuro: “Ho quasi sempre gareggiato con Maverick. Ha fatto due grandi stagioni e ha un sacco di esperienza. Io sono il suo sostituto in Suzuki, questo implica che devo almeno eguagliare o superare i suoi risultati, che non sono stati affatto male”.

Nel 2016 la Suzuki ha ottenuto una vittoria e tre podi con Vinales. Per il prossimo anno è più probabile che sia Andrea Iannone il pilota sul quale il team conterà per cercare di vincere. La prima stagione per Rins sarà soprattutto di apprendimento, in particolare la prima metà. Il talento ce l’ha, ma la MotoGP è molto diversa dalle altre categorie.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)