MotoGP, Francesco Guidotti (Ducati Pramac): “Senza ali è tutto inutile”

Francesco Guidotti
Francesco Guidotti (© getty images)

Nell’ultimo test dell’anno Danilo Petrucci ha potuto testare per la prima volta in pista la Ducati del 2017. L’italiano del team Pramac in realtà non è riuscito ad andare velocità, ma in seguito è apparso comunque soddisfatto della sua nuova moto sulla quale. L’unico handicap è l’assenza, a partire dal prossimo anno, delle nuove alette.

Francesco Guidotti, manager del team Pramac, ha osservato al riguardo che “se è vero che le ali del prossimo anno saranno vietate, va anche detto che il nuovo pannello non è ancora pronto, e ci aspettiamo che quest’ultimo abbia il loro stesso effetto”, come riporta Speedweek. “E’ quindi inutile – ha aggiunto – provare questa moto senza ali, perché una soluzione del genere non corrisponderebbe al pacchetto che adotteremo in gara”.

 

Buona la prima

Il tecnico italiano è piuttosto soddisfatto dei progressi compiuti nei test di Jerez. “Ovviamente, il test non è andato alla perfezione e rispetto ai competitor non abbiamo fatto molto bene in termini di tempi sul giro – osserva Guidotti – . Ma nel complesso è stato un test positivo, perché abbiamo provato con Danilo per prima volta la nuova moto, il che può aiutarci per risolvere molte questioni fondamentali”.

“Era molto eccitato quando è salito sulla nuova moto – ha poi raccontato Guidotti – , e forse ci è andato troppo timido… Aveva davvero tanto paura di rovinarla con una caduta. E’ stato molto prudente, per cui i tempi sul giro non sono stati dei migliori. Ma va bene così, l’anno scorso abbiamo visto che i tempi dei test non dicono molto…”. Infine, il team manager rimarca che “abbiamo ottenuto un sacco di informazioni preziose, e questo è tutto ciò di cui abbiamo bisogno in questo momento, quindi siamo abbastanza soddisfatti. Ci siamo concentrati sui nostri compiti principali e sul vero esame da sostenere, senza troppo stress”. La prima prova in gara non è poi così lontana…