F1 Ferrari, Marchionne: “Nel 2016 ho sbagliato. Giovinazzi arriva”

Sergio Marchionne
Sergio Marchionne (©Getty Images)

Quella di oggi in casa Ferrari è una giornata speciale. Si è infatti svolto il consueto pranzo annuale di Natale a Maranello a cui ha presenziato pure Sergio Marchionne.

Un’occasione per ringraziare i dipendenti e fare gli auguri di buone feste, oltre che per ribadire gli obiettivi ambiziosi del 2017. Per quanto riguarda la Formula1, l’intento sarà quello di fare ciò che nel 2016 non è riuscito: vincere gare e contendere il titolo alla Mercedes. L’ultima stagione è stata molto complicata e può definirsi fallimentare, visti gli zero successi accumulati e il terzo posto finale nella classifica costruttori. Per il prossimo Mondiale servirà un pronto riscatto, frutto di tanto lavoro da parte di tutto.

Sergio Marchionne parla della Ferrari F1

Sergio Marchionne a Maranello non si è sottratto alle domande dei giornalisti, i quali non hanno potuto scansare la domanda riguardante la fallimentare annata 2016: “Abbiamo fatto una figuraccia dicendo che avevamo raggiunto la Mercedes. Non siamo migliorati. Ho sbagliato io, adesso aspettiamo il 2017. Sono sicuro che arriveranno i risultati, altrimenti ne risponderò io e potrete criticarmi”.

Il presidente della Ferrari ha ammesso le proprie responsabilità, ma si dice fiducioso per il prossimo anno. Tra l’altro, Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel andranno in scadenza di contratto e la loro situazione per il futuro rimane incerta: “Non abbiamo ancora affrontato il discorso con loro. Bisogna vedere se Kimi vorrà proseguire a correre e dobbiamo vedere anche se siamo in grado di dare a Sebastian una monoposto all’altezza di un quattro volte campione del mondo”.

Il numero 1 della scuderia di Maranello ha avuto modo di confermare che nel 2017 Antonio Giovinazzi, vicecampione GP2 del 2016, sarà il terzo pilota della Ferrari. Le anticipazioni di ieri sono state oggi confermate: “E’ un grande talento, sarà il nostro terzo pilota. Abbiamo bisogno di giovani pronti a entrare”. Il driver pugliese potrebbe divenire titolare nel 2018, quando probabilmente Raikkonen lascerà il team.

Infine Marchionne non ha escluso che il marchio Alfa Romeo possa tra qualche anno tornare in F1: “Un bel progetto, potrebbe anche diventare uno junior team in cui far crescere i nostri giovani. Ma finché non facciamo cassa con i modelli Giulia e Stelvio bisognerà attendere”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan)