Foto di Michael Schumacher per 1 milione di dollari

Michael Schumacher
Michael Schumacher (©Getty Images)

Una foto di Michael Schumacher è stata offerta a vari editori per la pubblicazione ad una cifra di un milione di dollari. Secondo la stampa tedesca si tratterebbe di un’immagine che sarebbe stata scattata in segreto, nella sua villa di Ginevra. Un grave colpo basso alla famiglia del campione tedesco che consente l’accesso nell’abitazione a pochissime persone.

Il procuratore di Offenburg ha avviato un’indagine per risalire al responsabile senza scrupoli, che ha violato la privacy di Michael Schumacher. “Una persona sconosciuta ha proposto delle fotografie ad alcuni redattori in maniera segreta, chiedendo ingenti somme di denaro per la pubblicazione”, si legge nella nota. Il manager del campione tedesco, Sabine Kehm, ha confermato a Motorsport-Magazin.com che la denuncia è stata depositata.

La famiglia Schumacher “continua a combattere”

In questi tre anni dall’incidente sugli sci molti giornalisti (sciacalli) hanno cercato di rubare uno scatto di Schumi. Nel 2014 un giornalista travestito da prete ha tentato di intrufolarsi nell’ospedale di Grenoble per scattare una foto del pilota nel suo letto. Pochi mesi dopo le sua cartelle cliniche sono state rubate da un dipendente di una società di soccorso svizzero che si è poi impiccato in cella. Nel marzo 2015 lo studio del dottor Johannes Peil, uno dei medici di Michaesl, sarebbe stato svaligiato e tra i documenti rubati ci sarebbe anche la cartella clinica del pilota.

Nella giornata di sabato la famiglia Schumacher e il suo ufficio stampa hanno fatto sapere che non verrà diramato nessun bollettino medico, per tutelare la privacy del sette volte campione di Formula 1. E dopo l’apertura dei profili ufficiali su Facebook, Instagram e Twitter, ha preso piede l’iniziativa “Continuare a combattere“, al fine di “incanalare l’energia positiva ricevuta dal sette volte campione del mondo di F1 e dalla sua famiglia come una forza per il bene nel mondo – ha dichiarato la moglie Corinna -. Vorremmo incoraggiare tutti a non mollare mai”.