F1, Giovinazzi verso la Ferrari: sostituirà Raikkonen nel 2018?

Antonio Giovinazzi
Antonio Giovinazzi (foto Facebook)

Antonio Giovinazzi in Ferrari, l’annuncio sembra molto vicino, almeno stando alle indiscrezioni riportate oggi da La Gazzetta dello Sport.

Nei prossimi giorni, forse già domani in occasione del pranzo di Natale a Maranello, la scuderia dovrebbe annunciare l’ingresso del pilota pugliese nella propria Accademy. Andrebbe quindi ad affiancare il calabrese Antonio Fuoco e il monegasco Charles Leclerc, già finiti da tempo sotto l’ala protettrice ferrarista.

Per Giovinazzi sarebbe pronto un ruolo da terzo pilota nel 2017 e di conseguenza la possibilità di poter ambire a un posto da titolare per il 2018. Sia Sebastian Vettel che Kimi Raikkonen andranno in scadenza di contratto al termine del prossimo anno. Se per il tedesco sembrano esserci possibilità di rinnovo, nonostante le voci sulla Mercedes, invece il finlandese classe 1979 potrebbe essere lasciato libero.

F1, Antonio Giovinazzi in Ferrari?

Il sedile lasciato libero dal campione del mondo 2007 di F1 potrebbe andare proprio al talentuoso italiano, che nell’ultima stagione ha quasi vinto il titolo GP2 da esordiente. Il suo sogno è svanito all’ultima gara, quando si era persino presentato con dei punti di vantaggio sul rivale Pierre Gasly. Ma è stato il giovane sotto contratto con la Red Bull ad avere la meglio.

La Ferrari si era interessata molto ad Antonio Giovinazzi dopo la sua vittoria di Monza e non a caso lo aveva poi invitato a Maranello per provare il simulatore. La scuderia ha poi seguito le prestazioni del pilota e il suo approdo in rosso, comunque ancora da confermare ufficialmente, è stato favorito dal suo manager. Infatti Enrico Zanarini è legato da tanti anni al Cavallino Rampante, fin dai tempi di Eddie Irvine. La sua mediazione sarebbe risultata decisiva, secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport.

Spesso la Ferrari è stata accusata di prendere poco in considerazione i giovani driver, soprattutto quelli italiani. Adesso c’è l’occasione per puntare seriamente su un ragazzo che le qualità le ha messe in mostra in un campionato come la GP2 comunque impegnativo, soprattutto per chi è all’esordio. Ha sfiorato il titolo e non è poca cosa.

Ad ogni modo il 2017 sarebbe un anno di transizione per Giovinazzi, visto che da terzo pilota avrebbe solamente l’occasione di provare al simulatore e di scendere in pista in alcuni test. Praticamente impossibile trovargli una collocazione in un altro team, visto che la griglia è ormai quasi completa. C’è un sedile libero in Sauber, che monta motori Ferrari, ma dovrebbe andare a uno dei tanti piloti paganti che da anni vediamo correre in F1 oppure a Pascal Wehrlein, talento della Mercedes.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)