Colpo di scena Mercedes: Bottas al posto di Rosberg

Valtteri Bottas
Valtteri Bottas (©Getty Images)

Colpo di scena sul mercato piloti. Mercedes sembra aver trovato un accordo con Valtteri Bottas per il 2017, mancherebbe solo la firma. Dopo l’addio di Nico Rosberg all’indomani del titolo mondiale l’unica soluzione fattibile sembrava portare il nome di Pascal Wehrlein. Ma l’azzardata soluzione giovanile non è piaciuta a sponsor, nè ai vertici della Casa di Stoccarda.

Pochi giorni fa Pat Symond, direttore tecnico della Williams, aveva alzato le barricate intorno al pilota finlandese, facendo intendere che il futuro della scuderia ruotasse intorno a lui. Ma sono subentrate altre varianti, prima fra tutte il peso politico di Toto Wolff nella Williams, dove possiede una piccola quota azionaria. Senza dimenticare che il manager tedesco è manager di Bottas.

Hamilton-Bottas, Mercedes cerca il poker iridato

Inizialmente la scuderia iridata aveva promesso il nome del successore di Rosberg entro Natale, ma da ieri la data è stata spostata ai primi di gennaio. Un segnale che lascia intendere che Wehrlein non sarà la soluzione adottata. A far luce sulla pista finlandese è Claire Williams, vicepresidente dell’omonimo team. “Sono felice di vedere che una squadra come Mercedes elenca Valtteri come un potenziale sostituto di Nico”, ha detto a BBC Sport . “Williams ha le proprie ambizioni e dobbiamo sempre garantire di dare al nostro team la migliore opportunità per andare avanti. Eventuali modifiche saranno effettuate solo se Williams rimane in una posizione forte per competere nel 2017”.

Manca solo l’ufficialità, ma il dado è tratto. Valtteri Bottas lascia la Williams con un anno di anticipo sul contratto e sarà il nuovo compagno di squadra di Lewis Hamilton. Una scelta che piacerà al campione inglese, visto che il 27enne scandinavo non è una presenza troppo ingombrante, ma può dare manforte alla causa Mercedes. Nel 2017 il nuovo regolamento farà perdere parte parte del vantaggio sugli avversari, quindi Wehrlein sarebbe stata una soluzione troppo rischiosa. La Casa di Stoccarda mira al poker mondiale e non può permettersi, da campione in carica, di indebolirsi troppo.

Williams agnello sacrificale?

Ma cosa ci guadagna la Williams? Uno sconto sulle power unit, poi l’arrivo di Paddy Lowe a metà stagione, che prenderà il posto di Symonds. Un rinforzo degno di nota, che lascia supporre l’ingresso nel team britannico del magnate canadese Lawrence Stroll. Il prossimo anno suo figlio Lance debutterà in Formula 1 e l’ingaggio di Lowe sarebbe stato finanziato proprio dal guru della moda, il cui patrimonio finanziario è attestato intorno ai 2,4 miliardi di dollari.

 

Resta una sola incognita, chi prenderà il posto di Valtteri Bottas al volante della monoposto britannica? Al fianco di Lance Stroll servirà un pilota esperto e in giro sono disponibili solo due piloti appena ritirati: Felipe Massa e Jenson Button. Ma saranno disposti a tornare in gioco? L’impressione è che la Williams sia l’agnello sacrificale per l’addio di Nico Rosberg. Del resto è una legge di natura: pesce grande mangia pesce piccolo.

Luigi Ciamburro