Brad Baker: “Bello guidare con Marc o Valentino ma…”

superprestigio_galeria_sb-40Brad Baker sabato sarà impegnato al Superprestigio di Barcellona, dove sfiderà l’asso della MotoGP Marc Marquez. Il campione americano del Flat Track farà i conti con piloti di varie discipline, ma sembra essere lui il grande favorito per la vittoria. Baker ha già vinto le edizioni 2013 e 2015 e adesso punta al tris nella celebre kermesse di Dirt Track.

Marc Marquez è riuscito a fare gli onori di casa solo nel 2014, grazie all’infortunio del campione americano. Negli ultimi anni il pilota MotoGP ha accumulato esperienza sull’off road e di certo si preannuncia una gara emozionante. Dopo la fine del campionato Flat Track, Brad Baker ha trascorso molto tempo in Spagna, ma è stato anche ospite al Ranch di Valentino Rossi.

“E’ bello guidare con Marc o Valentino, ma per loro sono uno strumento per misurare le loro prestazioni sullo sterrato”, ha detto Baker a Crash.net. “Non importa su che tipo di moto sono, vogliono sapere quanto valgono e fino a quando non arriva qualcuno del mio calibro non hanno un vero metodo di misura nel dirt track”.

La grande sfida al Superprestigio

“Con Marc si può sicuramente vedere qualche influenza dalla strada sterrata sul suo stile di guida. Viene visto come colui che supera sempre i limiti. Ha una buona mentalità e non appena ottiene più esperienza va sempre più veloce. E’ naturale per lui… La loro posizione sulla moto è buona, ma dal modo in cui utilizzano il loro corpo si evidenzia che sono piloti da strada. Penso che si può vedere una evoluzione nei loro stili, sia che si tratti di Marc o Valentino”.

Sarà la quarta edizione del Superprestigio a Barcellona e le dimensioni del circuito, un ovale di 200 metri, potrebbero facilitare il compito di Marquez: “Marc fa bene al Superprestigio, si allena su una pista che è esattamente come questa – ha concluso Brad Baker -. Con una dimensione diversa della pista, sarebbe tutta un’altra musica”.