Graziano Rossi conferma: “Valentino fu molto vicino alla Formula1”

Graziano Rossi (Getty Images)
Graziano Rossi (©Getty Images)

Valentino Rossi e la Formula1, due mondi che avrebbero potuto incrociarsi e che si sono solamente sfiorati. Il nove volte campione del mondo di motociclismo ha più volte ribadito di essere stato vicino al clamoroso addio alla MotoGP per approdare alle quattro ruote.

A convincerlo a non effettuare quel passo furono la sua grande passione per le moto e la consapevolezza che in F1 forse non sarebbe riuscito a vincere. Nonostante il supporto della Ferrari, che lo voleva fortemente, sarebbero serviti degli anni per capire se era possibile essere competitivo o meno. Un cambio così drastico di sport comporta un normale periodo di adattamento, anche lungo. Il Dottore non aveva tempo e ha preferito continuare sulle due ruote.

Valentino-F1: la conferma di Graziano Rossi

Graziano Rossi, padre di Valentino, ha recentemente ribadito quanto detto dal figlio sul suo mancato approdo in F1. Queste le sue parole riprese in queste ore dal sito ufficiale MotoGP.com: “E’ stato molto, molto vicino a guidare una Formula1. L’unica cosa paragonabile con la MotoGP è una F1. Le altre cose rappresenterebbero un passo indietro. In quel momento Vale non se l’è sentita, perché il suo amore per la MotoGP è stato troppo grande e gli ha suggerito di non cambiare, ma di andare avanti in quello sport”.

Papà Graziano non ha comunque escluso che nel futuro di Valentino possano esserci le macchine, ma solamente quando la sua carriera nel motociclismo sarà terminata definitivamente: “Se un giorno dovesse avere voglia di andare forte con una macchina da rally, per esempio, o da turismo o con qualcos’altro, non sarà la F1. Ma comunque potrà succedere, però avverrà dopo che Valentino avrà finito la sua carica agonistica da numero 1 delle moto”.

A Rossi le automobili piacciono, ne è appassionato e non è un segreto. In particolare i rally lo appassionano molto e non è da escludere che possa fare questo tipo di avventura in futuro, una volta lasciata la MotoGP.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)