Jonathan Rea snobba la MotoGP: “Mi diverto più in Superbike”

Jonathan Rea
Jonathan Rea (©Getty Images)

Jonathan Rea ha conquistato gli ultimi due titoli del campionato mondiale Superbike, i suoi primi in carriera. Il binomio composto da lui e dalla Kawasaki ha praticamente dominato, risultando difficile da battere per i rivali.

Va detto che nel finale del campionato 2016 a dominare la scena è stato più che altro Chaz Davies su Ducati, però il nordirlandese ha anche gestito senza rischi alcune situazioni, visto il vantaggio accumulato nella prima parte. E in ottica 2017 sicuramente è sempre Rea il favorito, anche se i rivali saranno pronti a dargli battaglia. Lui, però, già nei recenti test di Jerez ha fatto vedere di essere il migliore e di potersi mettere dietro pure piloti della MotoGP.

Jonathan Rea preferisce SBK a MotoGP

Jonathan Rea negli anni in cui correva con la Honda ha avuto modo di disputare due gare di MotoGP, sostituendo Casey Stoner e conquistando un 8° e un 7° posto. Sono state le sue uniche apparizioni nella classe regina del Motomondiale. Non ha avuto altre chance, ma in Superbike si sta togliendo della soddisfazioni importanti.

Nell’intervista concessa al settimanale Sportweek il nordirlandese ha così risposto quando gli è stato chiesto se pensa di passare in MotoGP: “No, il mio cuore è in Superbike. Sto vivendo un periodo magico, ho molti tifosi e in Kawasaki ho trovato una famiglia incredibile. Ora penso solo alle due prossime stagioni con loro, poi vedremo cosa accadrà ma sono felice di stare qui”.

Rea compirà 30 anni nel 2017 ed è difficile pensare a un suo futuro in MotoGP dopo che il suo contratto con Kawasaki, scadenza 2018, sarà terminato. Inoltre a suo avviso la Superbike è meglio della classe regina e spiega il motivo: “Perché qui gareggio con una moto ufficiale, che mi offre l’opportunità di vincere molte gare e per me vincere è eccitante. Mi diverto di più che non correre in MotoGP solo per il gusto di esserci”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan)