F1, Lewis Hamilton: “Ho guidato col cuore, non guardo indietro”

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton (©Getty Images)

Dopo due titoli consecutivi, Lewis Hamilton nel 2016 si è dovuto arrendere e accettare la sconfitta. Il Mondiale di F1 è andato a Nico Rosberg, ormai suo ex compagno di team.

L’inglese ha vinto dieci gare, contro le nove del tedesco, ma pesa il ritiro di Sepang. Mentre era in prima posizione e praticamente sicuro della vittoria, il motore della sua monoposto è andato k.o. Venticinque punti persi che alla fine sono risultati decisivi in una lotta così serrata. Ciò non toglie i meriti al vincitore, ma sicuramente Hamilton ha provato delusione e rabbia del veder sfumare così un titolo.

Lewis Hamilton commenta il campionato 2016

Lewis Hamilton ha concesso un’intervista ad Autosport e ha parlato dell’ultimo campionato di F1, spiegando le sue sensazioni in merito a come sono andate le cose: “Probabilmente ho guidato con più cuore quest’anno, per affrontare le varie sfide che ho avuto, come quando parti primo e ti ritrovi ottavo a dover lottare per recuperare. Ho dovuto scavare molto più in profondità degli altri anni in cui partivo primo e scomparivo. Ci è voluto molto di più di cuore e molto più coraggio per affrontare le sfide”.

Ci ha dovuto mettere più passione il pilota inglese, che ha vissuto una stagione più difficile del previsto con un Nico Rosberg davvero arrembante e desideroso di conquistare il suo primo titolo in F1. Però non intende piangersi addosso e pensare troppo al passato: “A me non piace guardare indietro. Cerco comunque di coglierne gli aspetti positivi. Da quelli negativi, invece, cerco di imparare, come avvenuto quest’anno”.

Anche se non ha vinto il Mondiale, Hamilton riesce a trovare lo stesso degli spunti positivi sulla stagione 2016: “Ho conquistato più vittorie e pole di tutti, è grandioso. E’ stato un anno di grande successo per la squadra. Sono cresciuto come pilota, ma anche il legame con i miei ragazzi. E’ qualcosa che mi  rafforza in vista del prossimo anno. Al momento non sto ancora pensando al 2017, ma lo farò presto. Sono eccitato per questo”.