F1, contatti tra la Mercedes e Carlos Sainz Jr

Carlos Sainz junior
Carlos Sainz junior (©Getty Images)

Anche Carlos Sainz Jr è entrato nella lista dei papabili sostituti di Nico Rosberg in Mercedes. Lo spagnolo è tra i piloti che la scuderia di Stoccarda sta prendendo in considerazione.

Il quotidiano AS rivela che ci sono già stati dei contatti tra le parti. A Niki Lauda e a molti altri all’interno del team il figlio d’arte piace molto. Nonostante la sua giovane età (22 anni), il ragazzo ha maturato una buona esperienza in questi due anni in Toro Rosso. Il suo nome viene preferito rispetto a quell0 del meno esperto Pascal Wehrlein, che viene indicato da molti come favorito.

Il tedesco, però, ha solo un anno di F1 alle spalle. Con una Manor non particolarmente competitiva ha faticato a dimostrare il suo valore. Per questo, nonostante il pilota rientri nel ‘programma giovani’ della Mercedes, la scuderia sta vagliando altre opzioni. Praticamente impossibile arrivare a Fernando Alonso, ma ci sono delle alternative sul tavolo.

Ingaggiare Carlos Sainz Jr non è comunque semplice. Infatti il figlio d’arte ha un contratto fino a fine 2017 con la Red Bull. E’ tra i ragazzi cresciuti sotto l’ala protettrice del team di Milton Keynes, che gli ha già negato la possibilità di trasferirsi in Renault. Non è semplice trattare lo svincolo dall’accordo sottoscritto. Serviranno intensi giorni di negoziazioni, il cui esito rimane incerto.

Sainz e Mercedes hanno avuto modo di parlare, però dipenderà molto dalla Red Bull. Ci sono anche degli sponsor che vedono positivamente l’operazione, ma serve trovare un’intesa tra tutte le parti in causa. Possibile che la casa di Stoccarda debba, eventualmente, pagare un indennizzo per liberare il pilota. Cifra da quantificare e, comunque, rimane un’ipotesi. La certezza è che con la presenza di Daniel Ricciardo e Max Verstappen per lui la porta è chiusa nel team di Milton Keynes. E quella di diventare il nuovo compagno di Lewis Hamilton è una chance troppo grande, che non vorrebbe farsi sfuggire.