F1, Flavio Briatore annuncia: “Alonso resta in McLaren”

Flavio Briattore
Flavio Briatore (©Getty Images)

Flavio Briatore annuncia che Fernando Alonso non si muoverà dalla McLaren. Nonostante le tante voci che lo vogliono come possibile nuovo compagno di Lewis Hamilton in Mercedes, lo spagnolo nel 2017 resterà nel team di Woking.

Il noto imprenditore è anche il manager dello spagnolo e a La Gazzetta dello Sport ha rilasciato dichiarazioni eloquenti sul tema. Queste le sue parole: «Possibile che quando si libera un volante si pensi sempre a Fernando? Ma c’è un contratto e lo rispettiamo».

Alonso è legato alla McLaren e alla Honda fino al 2017, non c’è possibilità che il contratto venga interrotto. Al di là della non volontà di rompere così il rapporto con dei marchi che gli hanno dato fiducia e soldi, probabilmente ci sono delle clausole contrattuali che prevedono l’addio solamente in casi specifici e dietro il pagamento esosi indennizzi. Dalla Spagna era emerso che sarebbero serviti 30 milioni per liberare il due volte campione del mondo dalla scuderia di Woking.

E’ vero che Alonso lasciò la Ferrari nonostante ci fosse un altro anno di contratto, ma Briatore spiega che allora lo scenario era differente: «La situazione era diversa e noi avevamo un patto con Montezemolo: se nel 2014 non fosse arrivato il Mondiale, saremmo stati liberi. E Luca mantenne la promessa. È vero che Mattiacci (allora capo della Ges; n.d.r.) ci offrì un rinnovo triennale, ma rifiutammo».

C’era un accordo preciso con la Ferrari, mentre con la McLaren non pare esserci qualcosa di simile. Dunque l’asturiano nel 2017 correrà ancora per la McLaren, sperando di poter puntare al podio. La Mercedes per sostituire Nico Rosberg dovrà guardare altrove. Circolano tanti nomi, l’ultimo è stato quello di Valtteri Bottas. Però il finlandese è sotto contratto con la Williams e non è facile da liberare. Più passano i giorni e più è probabile che alla fine Toto Wolff e i vertici del team optino per il giovane Pascal Wehrlein.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)