F1, Sebastian Vettel: “Delusi di non aver lottato con Mercedes”

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel (©Getty Images)

Sebastian Vettel e tutti in Ferrari si aspettavano un campionato 2016 di F1 diverso. Dopo i grandi progressi dello scorso anno, la scuderia di Maranello puntava a lottare con la Mercedes per il titolo.

Le tre vittorie del tedesco e alcune gare in cui la rossa sembrava essere davvero vicina alla monoposto rivale avevano dato fiducia all’ambiente. Il presidente Sergio Marchionne si era sbilanciato nel dire che il Cavallino Rampante ce l’avrebbe fatta. Ma, come sappiamo, le cose sono andate diversamente. La Ferrari si è addirittura vista scavalcare dalla Red Bull e ha chiuso al terzo posto la classifica costruttori.

Sebastian Vettel e le aspettative Ferrari

In un’intervista concessa ad Autosport il quattro volte campione del mondo ha avuto modo di commentare quanto avvenuto nel campionato 2016 di F1. Queste le sue prime dichiarazioni: “E’ stato un anno di alti e bassi, non positivo come ci aspettavamo e avrebbe potuto essere molto meglio”.

Sebastian Vettel ha proseguito la sua analisi spiegando che in Ferrari non è stato sfruttato a pieno il potenziale avuto: “Non siamo stati in grado di ottenere abbastanza punti all’inizio della stagione. E verso la fine ci siamo trovati in lotta serrata con la Red Bull. Nel complesso avevamo un pacchetto forte e avremmo dovuto arrivare secondi nei costruttori”.

A inizio Mondiale la scuderia di Maranello era abbastanza superiore rispetto a quella di Milton Keynes. Ma poi nel corso della stagione è mancato lo sviluppo e così i rivali hanno recuperato il gap ed effettuato il sorpasso. C’è amarezza, ma il tedesco rimarca quella che è stata la delusione maggiore: “La più grande delusione è stata che non abbiamo lottato con la Mercedes”.

Vettel e tutti quanti in Ferrari sono fiduciosi di potercela fare nel 2017 a combattere costantemente per le primissime posizioni. Il regolamento avrà dei cambiamenti significativi e il Cavallino Rampante potrebbe trarne beneficio.