MotoGP, Jorge Lorenzo: “Vinales molto simile a Marquez”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Ducati e Jorge Lorenzo stanno progettando un futuro di successi. L’obiettivo è di mettersi subito alla pari con Honda e Yamaha, cominciare il Motomondiale 2017 subito all’attacco, su quel circuito di Abu Dhabi che sembra portare bene alla Desmosedici. Ma la concorrenza non resterà a guardare e Yamaha sembra aver trovato il suo nuovo fuoriclasse: Maverick Vinales.

Nei primi test ufficiali a Valencia l’ex pilota Suzuki ha stupito tutti, tifosi e piloti, siglando subito il miglior crono in entrambe le giornate. Un campanello d’allarme per i tre soliti big Marquez-Rossi-Lorenzo che dal 2017 avranno un altro bastone tra le ruote. “Maverick non ha bisogno di consigli perché sa come vincere le gare”, ha detto Jorge in occasione dell’inaugurazione del suo museo. “Con una moto superiore, in teoria si dovrebbe combattere ancora più assiduamente per la vittoria e anche per il titolo”.

Vinales ha conquistato la sua prima vittoria in classe regina a Silverstone, altre tre volte sul podio, nonostante una moto non ancora al top delle potenzialità. Tanto basta per delineare un futuro di traguardi importanti. “La sua partenza è stata promettente e ha un talento molto simile a Marquez – ha aggiunto Lorenzo in un’intervista a Motorsport -. Vediamo se questo talento riuscirà a confermarsi con i risultati”.

Ducati e le sfide future

Intanto in casa Ducati si lavora a pieno ritmo sullo sviluppo della GP17, per la prima volta già pronta con mesi di anticipo sotto forma di prototipo. Tutto è stato studiato a puntino per l’arrivo del campione maiorchino, nulla può essere lasciato al caso. Non ci sono alibi da questo momento in poi. Il primo ostacolo da affrontare sarà trovare una soluzione al divieto delle alette, utili per tenere ben salda sull’asfalto la ruota anteriore. Un problema comune a tutti i team, visto che tutti avevano copiato l’idea Ducati.

Il motore potente è il punto di forza su cui puntare, ma resta da migliorare quanto prima l’ingresso in curva. Altre soluzioni aerodinamiche sono in fase di studio, serve altro lavoro in pista. A cominciare dal test di Sepang a fine gennaio, quando ancora non vedremo la moto al top dello sviluppo. Ma inizieremo ad avere idee più chiare sul futuro della Ducati e di Jorge Lorenzo. Una volta raggiunti gli obiettivi in MotoGP Borgo Panigale inizierà a guardare anche alla Moto3. Ma è uno step successivo che richiede ancora alcuni anni.