Suzuki, Brivio: “Peccato per Vinales, Iannone grande opportunità”

Davide Brivio
Davide Brivio, team manager Suzuki (©Getty Images)

Il team Suzuki Ecstar di Davide Brivio ha fatto passi da gigante nell’ultima stagione, ma dal 2017 dovrà fare a meno di Maverick Vinales. Via anche Aleix Espargaro, la squadra di Hamamatsu punta su Andrea Iannone e Alex Rins. L’obiettivo ambizioso è poter lottare al vertice con Honda, Yamaha e Ducati.

L’addio di Lorenzo alla Yamaha ha scatenato una serie di reazioni a catena nel mercato piloti della MotoGP. Nel 2016 Suzuki ha ottenuto tre podi e una vittoria a Silverstone, idem Andrea Iannone con la Ducati. Nel 2017 team e pilota si prefiggono di migliorarsi, dopo il netto passo avanti della Suzuki, agevolato dalla centralina unica e dall’esordio delle nuove gomme Michelin. Probabilmente nessuno più della Suzuki sembra aver tratto vantaggio dal nuovo regolamento, ma l’addio di Vianles non sarà facile da metabolizzare.

Suzuki arruola Iannone per non rimpiangere Vinales

“Dopo la partenza di Lorenzo si è liberato un posto alla Yamaha. Maverick ha deciso di cogliere l’occasione – ha affermato il team manager Davide Brivio, come riporta Speedweek.com -. Abbiamo sofferto un po’, perché per noi è stato un po’ presto per mostrare il vero potenziale della nostra moto. Eravamo solo nella seconda stagione del nostro progetto”. Il mercato piloti è iniziato prestissimo e dopo un paio di gare i big hanno fatto le loro scelte: “A maggio 2016 erano già prese tutte le decisioni importanti. Non c’era nemmeno un terzo della stagione alle spalle”.

A quel punto Suzuki si è ritrovata a prendere una decisione molto importante per il futuro. “Alla Suzuki amiamo le sfide. E dobbiamo essere creativi se vogliamo sfidare le squadre forti della MotoGP – ha aggiunto Davide Brivio -. Fare firmare Iannone è stata una fantastica opportunità per noi. Abbiamo un pilota di punta di grande considerazione, in grado di vincere, se riusciamo a dargli un pacchetto competitivo. Alex Rins è un talento straordinario. Abbiamo pensato di portare un giovane pilota in alto. Vedremo”.