Cercasi erede di Nico Rosberg. Tutti vogliono la Mercedes

(©Getty Images)
(©Getty Images)

Il mondo della Formula 1 gravita tutto intorno alla monoposto Mercedes lasciata libera dall’addio di Nico Rosberg. La vettura più veloce del Circus è in cerca di un pilota, ma l’elenco dei “papabili” può essere talmente lungo quanto ristretto. Tutto dipende fin dove vorrà spingersi la scuderia di Stoccarda.

Trovare un sostituto del campione al termine del campionato è forse l’impresa più difficile per Mercedes negli ultimi tre anni. Tre titoli conquistati quasi senza sudare, ma adesso c’è da rimboccarsi le maniche per davvero. Non solo per scegliere il giusto sostituto, ma anche per affrontare la sfida del nuovo regolamento 2017. “Dobbiamo prendere in considerazione tutte le opzioni e sarà molto difficile – ha detto Toto Wolff -. Cominceremo a pensarci lunedì a Brackley, quando ci siederemo a tavolino con gli ingegneri. Sarà un processo strutturato e razionale”.

I piloti alla corte di Mercedes AMG F1

La scelta di Nico Rosberg ha spiazzato tutti e i vertici Mercedes non hanno avuto nessun preavviso. Il pilota tedesco ha iniziato a pensarci pochi mesi fa, più si avvicinava il titolo iridato più quel pensiero prendeva forma. Dopo il GP di Abu Dhabi si è concretizzato, a Vienna l’annuncio ufficiale anticipato poche ore prima ai vertici del team. “La decisione di Rosberg ci ha disorientato, non eravamo preparati – ha ammesso Niki Lauda a ‘La Gazzetta dello Sport’ -. E poi tutti coloro che hanno collaborato alla conquista del Mondiale di Nico ci sono rimasti male, molto male. Ed è così anche per i suoi tifosi”.

Adesso non è tempo di piangersi addosso e lasciare campo libero alla nostalgia. In poche settimane dovrà uscire fuori il nome del nuovo compagno di squadra di Lewis Hamilton che, da possibile espulso, diventa il perno principale del futuro Mercedes. I nomi più accreditati sono quelli di Fernando Alonso e Pascal Wehrlein. Ma non si possono escludere possibili colpi di scena: Sebastian Vettel e Valtteri Bottas. Fino agli ormai pensionati Jenson Button e Felipe Massa, scelte che non guarderebbero al futuro.

“Perdiamo un campione del mondo, il pilota migliore del 2016, non sarà facile sostituirlo – ha ammesso Niki Lauda -. Anche perché tutti i piloti di un certo livello hanno dei contratti con altri. Ingaggiare un giovane? È un rischio, non sappiamo se poi andrà forte. Ci metteremo a un tavolo con Toto Wolff e vedremo il da farsi, sinora non è stato deciso nulla”. Ma in tanti hanno già chiamato per offrirsi: “Sì, praticamente mezza Formula 1 o anche più. Sto continuamente rispondendo al telefono…”.

L.C.