Valentino Rossi: “Vinales meglio di Lorenzo, ma preferivo Pedrosa”

Jorge Lorenzo e Valentino Rossi
Jorge Lorenzo e Valentino Rossi

Valentino Rossi a 37 anni continua ad essere competitivo in MotoGP al cospetto di diversi rivali molto forti e più giovani. Nel 2017 spegnerà 38 candeline ed è probabile che lo vedremo ancora lottare per vincere.

Non sarà facile per lui conquistare quel decimo titolo tanto desiderato. L’età in parte può incidere, ma è soprattutto l’alto livello degli avversari a rappresentare l’ostacolo maggiore. La concorrenza è sempre più numerosa, considerando pure che non bisogna tenere d’occhio solo i box Yamaha e Honda.

Anche Ducati sta tornando molto competitiva e la Suzuki sta progredendo molto. Per il campionato MotoGP 2017 potrebbe esserci molto equilibrio in pista. E già quest’anno, con nove vincitori diversi, ne abbiamo avuto.

Valentino Rossi su Vinales, Lorenzo e Marquez

Sicuramente i rivali a cui Valentino Rossi maggiormente sono tre: Maverick Vinales, Jorge Lorenzo e Marc Marquez. Il primo è il suo nuovo compagno di squadra. Un giovane talento desideroso di dimostrare di essere al livello della leggenda. Nell’intervista concessa a Radio Deejay il Dottore ha avuto modo di parlare dell’arrivo dell’ex Suzuki in Yamaha: “Non me lo sono scelto io (ride, ndr). Avrei preferito Pedrosa o comunque uno un po’ più vecchio. Speravo di avere un problema più piccolo, invece dopo i primi test ho capito che il problema sarà uguale a prima. E’ molto veloce. Ed è anche un po’ più simpatico di Lorenzo”.

Il nove volte campione del mondo teme Vinales come suo nuovo teammate, perché sa che il 21enne di Figueres è molto forte e ambizioso. Andato via un campione come Lorenzo, è arrivato un altro rider competitivo con cui dover fare i conti. Per quanto concerne l’ormai ex compagno, Rossi si è così espresso: “Con Jorge i rapporti si sono rovinati tanto dopo la fine del 2015, perché abbiamo litigato abbastanza forte. Poi da lì il rapporto non è più ri-decollato. Con Vinales potrà andare meglio, ma non ne sono così sicuro. Dopo la gara di Valencia, comunque, Lorenzo mi è venuto ad abbracciare nel box e mi ha detto che ha sempre avuto rispetto per me. E’ stato un bel momento”.

Infine non poteva mancare una domanda su Marquez, e Valentino non si sottrae affatto a rispondere: “Per fortuna non è il mio compagno di squadra. Penso abbia dimostrato molte cose con la fine del campionato 2015. Fra noi non ci sarà più niente, solo un normale rapporto di lavoro e rispetto. Comunque è un grande pilota, è fortissimo. Non molla mai, dà sempre tutto per vincere. E’ un po troppo forte, mi sarebbe piaciuto se lo fosse stato meno (ride, ndr)”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)