GP di Monza continua! Arriva la firma Ecclestone- Sticchi Damiani

GP di Monza F1
GP di Monza F1 (©Getty Images)

Il patron della Formula Uno, Bernie Ecclestone, e il Presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, hanno siglato ieri l’accordo per la permanenza del Gran Premio d’Italia nel calendario della F1 anche per i prossimi tre anni.

Dopo un lungo tira e molla è arrivata la firma e la Formula 1 continuerà a fare tappa sullo storico circuito di Monza. Già nel corso dell’ultimo Gran Premio la stretta di mano tra Ecclestone e Sticchi Damiani aveva sancito una promessa. Il tracciato lombardo continuerà ad ospitare il Circus almeno per altri tre anni.

Il GP d’Italia s’ha da fare!

“Pur tra mille difficoltà e con grande impegno – sottolinea il Presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani – siamo arrivati alla firma definitiva del contratto per Monza. A nome degli sportivi italiani ringrazio il premier Matteo Renzi e il presidente del Coni Malagò che, un anno fa, hanno creduto in questo obiettivo e creato le condizioni per raggiungere insieme questo importantissimo risultato”.

“Un ringraziamento particolare – ha continuato Sticchi Damiani – lo dobbiamo anche al Governatore Maroni e a tutta la giunta lombarda per aver sostenuto, in maniera determinante, questa trattativa. Abbiamo così scongiurato la maledetta ipotesi che, dopo 70 anni, l’Italia potesse perdere una delle più prestigiose, storiche e affascinanti gare automobilistiche del mondo. Adesso avanti insieme, con l’obiettivo di far diventare il Gran Premio di Monza, nei prossimi anni, un evento ancora più importante, in grado di affascinare e attrarre sempre più gli appassionati di tutto il mondo”.

“Sono davvero soddisfatto – ha dichiarato il presidente del Coni, Malagò – per questo grande risultato. Senza l’attento e caparbio lavoro del Presidente Sticchi Damiani, che ringrazio di cuore, l’Italia avrebbe perso il suo Gran Premio di F1“. “Un risultato straordinario – ha proseguito Malagò – frutto del lavoro di una squadra straordinaria, al cui gioco hanno fornito un contributo fondamentale sia il Presidente del Consiglio Renzi, che quello della Lombardia, Maroni a dimostrazione del fatto che, quando si lavora insieme e si fa squadra, lo sport italiano vince”.