Valentino Rossi cerca risposte, strategia Yamaha ‘top secret’

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Vacanze cominciate per Valentino Rossi dopo gli ultimi due giorni di test a Sepang, dove ha provato la base della nuova Yamaha YZR-M1 2017. Adesso il lavoro passa nelle mani dei tecnici di Iwata che dovranno allestire una moto altamente competitiva vista la forte concorrenza di Honda e Ducati.

Si spengono i motori della MotoGP fino alla fine di gennaio, quando prenderanno il via i primi test ufficiali in Malesia del 2017. Ma non si ferma l’operato dei tecnici che dovranno rielaborare tutti i dati raccolti negli ultimi test stagionali per apportare modifiche e aggiornamenti, risolvere i due nei più urgenti per non perdere decimi preziosi e punti come avvenuto nel Mondiale appena terminato: la potenza del motore, fondamentale sui rettilinei, e l’usura dei pneumatici nelle fasi finali di gara, come dimostrano le posizioni da podio perse da Valentino Rossi negli ultimi giri dei Gran Premi, spesso a favore delle più energiche Ducati.

Dopo i test di Valencia il Dottore non è sembrato particolarmente soddisfatto del prototipo M1 2017: “Questa è la prima evoluzione, ma abbiamo ancora bisogno di lavorare per cercare di andare più veloce”. Nulla di certo è dato sapere dopo i due giorni di prove a Sepang, regna soddisfazione dopo aver lavorato sul pacchetto 2017 provvisorio moto+motore, ma regna il segreto come strategia anti-concorrenza. Pronti il nuovo telaio e il nuovo motore avvistati al Ricardo Tormo, saranno le innovazioni della ciclistica a fare la differenza: “Non possiamo rispondere a questa domanda”, ha chiosato Massimo Meregalli.

Lo step successivo è più complicato sarà trovare quella “frequenza” sottile di set-up, che dovrebbe consentire di preservare al meglio le gomme Michelin fino al taglio del traguardo. Questo sarà il grande noto da sciogliere durante l’inverno. Valentino Rossi attende risposte dalla Yamaha e intanto si prepara per il Monza Rally Show della prossima settimana. Forse allora avremo le idee più chiare.

L.C.