Toto Wolff risponde a Hamilton: “Scambio tecnici scelta collettiva”

Toto Wolff
Toto Wolff (©Getty Images)

Alla vigilia del GP di Abu Dhabi Lewis Hamilton ha lasciato intendere di avere qualcosa da ridire sulla scelta di uno scambio di meccanici con Nico Rosberg ad inizio stagione. Una velata polemica su cui interviene il boss Mercedes Toto Wolff.

Dopo due titoli iridati consecutivi Lewis Hamilton sembra destinato a dover cedere lo scettro al compagno di scuderia Nico Rosberg, nonostante in più occasioni si sia dimostrato più veloce e competitivo. Ma il pilota tedesco nel corso della stagione ha dovuto fare i conti con problemi di affidabilità alla sua monoposto, come nelle qualifiche del GP in Cina e Russia, tanto da far ipotizzare una possibile cospirazione contro il campione in carica. Tesi rafforzata dopo il ko del motore in Malesia, mentre era ad un passo dalla vittoria, ma i vertici Mercedes hanno sempre smentito le voci del complotto.

Wolff e le decisioni collettive di Mercedes

Nel giovedì di Abu Dhabi Lewis Hamilton sembra costretto a tacere su alcune decisioni della Casa di Stoccarda, minimizzando ogni polemica con il suo solito piglio umoristico e affermando di riparlarne fra un decennio, quando scriverà un libro autobiografico. Il campione inglese ha un contratto con Mercedes fino alla fine del 2018, può contare sulla miglior monoposto della Formula 1  rischiare di mandare tutto in fumo per alcune dichiarazioni sarebbe a dir poco irresponsabile.

Ancora una volta è Toto Wolff a gettare acqua sul fuoco e a rispondere al suo pilota per sua natura recalcitrante: “Trovo straordinario come i nostri due piloti riescano a mantenere un rapporto professionale, mettendomi nei loro panni posso immaginare che la pressione sia immensa. Naturalmente, un cambiamento nella squadra può influire psicologicamente e l’abbiamo anche preso in considerazione quando ci siamo imbattuti su questa decisione”.

Ma è stata una strategia doverosa quella di trasferire cinque tecnici da un team all’altro: “Dobbiamo rendere le nostre decisioni per diverse centinaia di persone e non solo per quanto riguarda i nostri due piloti – ha concluso Toto Wolff -. E’ nostro dovere pensare a tutte le 1500 persone quando facciamo una scelta. Non dobbiamo mai pensare ad una sola persona”. Un chiaro messaggio a Lewis che per adesso dovrà fare buon viso a cattivo gioco.

Luigi Ciamburro