F1 Abu Dhabi: sfida Hamilton-Rosberg al round finale

Nico Rosberg e Lewis Hamilton
Nico Rosberg e Lewis Hamilton (©Getty Images)

La grande sfida tra Nico Rosberg e Lewis Hamilton arriva al momento clou con il GP di Abu Dhabi, tappa finale di una stagione emozionante nei box Mercedes AMG F1. Il tedesco può contare su un vantaggio di 12 punti in classifica mondiale che potrà amministrare per la corsa al titolo iridato.

Rispetto e rivalità sono le sensazioni più percettibili tra Nico e Lewis durante la conferenza stampa del giovedì, l’ultima del 2016, prima di conoscere il nome del nuovo campione del mondo di Formula 1. “Sono concentrato al massimo, emozionato ed entusiasta. Lotterò ancora una volta con Lewis per il titolo e questa volta vorrei concludere con una vittoria”, ha ammesso Rosberg dinanzi ai giornalisti.

E’ la seconda volta che si gioca il titolo all’ultima gara, vive questo momento con apparente calma, consapevole di avere la leadership in pugno e che solo un improbabile errore potrebbe mandare in frantumi la festa. Ma il tedesco non sembra volersi accontentare del podio, mira alla vittoria per chiudere in crescendo un campionato quasi impeccabile: “Voglio fare una grande gara, vincere e portarmi a casa il titolo”.

Nell’altro angolo dell’immaginario ring del Circus c’è Lewis Hamilton che, pur consapevole di non poter essere fabbro del proprio destino, vuole giocarsi ogni minima opportunità e attendere un difficile aiuto dalla dea bendata: “Nico è sempre stato molto veloce qui, sarà una sfida molto impegnativa. L’unica cosa che posso fare è affrontare la gara a viso aperto, a testa alta, e far bene. Fin’ora non è stata una annata spettacolare e non è andata come speravo – ha sottolineato il campione in carica -, però ci sono molti aspetti positivi e spero di trarne anche da questa gara”.

A lasciare qualche dubbio sui rapporti in casa Mercedes è il cambio meccanici avvenuto ad inizio stagione: “Tra una decina di anni scriverò un libro dove racconterò tutta la verità – ha detto Hamilton -. Con Nico abbiamo avuto alti e bassi ma nell’ultimo anno abbiamo gestito piuttosto bene il nostro rapporto facendo un passo indietro rispetto alla competitività in pista. E’ un piacere avere Nico come compagno di squadra”.