MotoGP, Marc Marquez: “C’è stato rispetto con Valentino Rossi”

Marc Marquez
Marc Marquez (©Getty Images)

Per Marc Marquez quella di ieri è stata una giornata molto speciale. Infatti il pilota MotoGP è stato celebrato nella sua città natale di Cervera per la conquista dell’ultimo titolo nel Motomondiale.

Il sindaco Ramon Royes ha speso belle parole di elogio nei suoi confronti, visto che grazie a lui e al fratello Alex il piccolo comune da 9 mila abitanti è diventato famoso nel mondo. E il 23enne rider ha ancora tanti anni di carriera davanti e sicuramente il nome di Cervera verrà ricordato a lungo. E’ giovane, ma Marquez ha già cinque titoli complessivi conquistati tra le tre classi e può vincerne ancora tanti.

MotoGP, Marc Marquez e il titolo 2016

Il pilota spagnolo ha sostenuto una conferenza stampa in cui è stato interpellato dai giornalisti in merito alla sua stagione. Sulla vittoria del titolo MotoGP 2016 e in generale sull’annata si è così espresso: “Tutto dipende da molte cose, perché con le armi che hai a disposizione puoi agire in un modo o nell’altro. Ogni volta che ho visto una possibilità di vincere ci ho provato – riporta AS -, ma se non era possibile sono stato conservatore, anche se ammetto che ho dovuto rischiare a volte”.

Il trionfo iridato di quest’anno è stato abbastanza inaspettato, se pensiamo che la Yamaha a inizio 2016 sembrava la moto da battere e molto migliore rispetto alla Honda. Invece le cose poi sono andate diversamente. Marc Marquez considera questo titolo il più difficile vinto finora: “Forse il più dolce è stato quello 2014, perché anche mio fratello Alex ha vinto il campionato. Forse questo è stato il più lavorato e sofferto”.

E in ottica 2017 il fenomeno di Cervera non ha dubbi nell’indicare i suoi rivali per la conquista della corona iridata: “Sicuramente Lorenzo, Rossi, Viñales e, naturalmente, il mio compagno Dani Pedrosa. Però prossimo campionato è un’incognita.
Perché nel nostro caso abbiamo già testato la nuova moto, che ha risposto a un buon livello, ma si deve migliorare e dobbiamo lavorare sodo per raggiungere febbraio con buone prestazioni”.

E se in Honda si lavorerà tanto, anche in casa Yamaha, Ducati e Suzuki si farà lo stesso per puntare al titolo. Aprilia e KTM sono più indietro, ma mirano allo stesso obiettivo per i prossimi anni. Ci sarà tanta battaglia in pista e il campionato 2017 di MotoGP sarà certamente interessante.

MotoGP, Marc Marquez su Valentino Rossi

A Marquez viene domandato anche se è stato tanto dura questa stagione e lui replica: “Sì, tanto. Dei titoli vinti è quello in cui mi sono divertito meno. Ho sofferto molto perché c’è stato un momento nel pre-campionato in cui sembrava impossibile che si potesse avere successo. Poi sono tornato a soffrire, perché volevo andare sempre al 100%, ma abbiamo dovuto gestire tutto questo”.

Immancabile una domanda su Valentino Rossi, con il quale le tensioni sono state sicuramente inferiori rispetto al 2015. Il nove volte campione del mondo a volte ha ribadito le sue idee sul rivale spagnolo, confermando le accuse, però poi in pista non sono scioccate scintille tra loro. Il pilota Honda in merito afferma: “Con Rossi è andata bene professionalmente. Ci siamo rispettati e in questa stagione abbiamo avuto diversi duelli corpo a corpo, ma sono sempre stati ‘pulii'”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)