Ducati, Gigi Dall’Igna: “Da oggi l’obiettivo è vincere”

Jorge Lorenzo e Casey Stoner
Jorge Lorenzo e Casey Stoner (©Getty Images)

L’esordio a Valencia di Jorge Lorenzo ha seminato sorrisi e fiducia nel box Ducati, con il maiorchino che sembra essersi subito ambientato con la nuova moto e con lo staff di Borgo Panigale, Casey Stoner compreso. La raccolta dati nella prima sessione di test è proceduta senza troppi intoppi e adesso bisognerà pazientare per rivedere questo nuovo binomio all’opera, visto che la prossima settimana la Ducati ufficiale non sarà in pista per un’altra sessione di prove.

Lorenzo-Ducati, buona la prima!

A Borgo Panigale regna una certa euforia dopo aver visto i primi risultati di Jorge sul prototipo Ducati GP17, anche se la classifica dei tempi sembra remare in direzione opposta. Ma Gigi Dall’Igna guarda il bicchiere mezzo pieno e assicura che l’obiettivo del 2017 resta quello della vittoria iridata: “Ho sempre detto che il nostro obiettivo è quello di puntare al titolo. Poi si deve lavorare per raggiungerlo, ma l’obiettivo deve essere quello”.

Dopo la prima uscita ufficiale con la moto del prossimo anno i tecnici di Borgo Panigale sono soddisfatti del lavoro finora compiuto, pur senza nascondere che resta ancora tanto lavoro da fare. Per il momento Lorenzo non può dare impressioni perchè ancora sotto contratto con Yamaha, ma Gigi Dall’Igna assicura che Jorge Lorenzo “è molto felice delle impressioni della moto. Ci sono aspetti positivi e negativi in confronto con la loro esperienza, ma ci lasciano con una chiara idea di che cosa ha bisogno… Non siamo molto felici del suo giro più veloce oggi, ma se il giro più veloce fosse stato l’obiettivo, avremmo lavorato in modo diverso”.

Bisogna migliorare la svolta della moto in curva, ma non dovrebbe essere un ostacolo insormontabile. Servirà tempo, quindi i prossimi test di Sepang, Phillip Island e Qatar del 2017: “Tutti hanno il loro stile. Si deve cambiare un po’, imparare un po’ la moto, perché è importante per il futuro, ma può farlo perché è andato veloce con moto diverse”. Inoltre ai box può contare su un consulente del calibro di Casey Stoner: “Il rapporto tra i due è molto buono, ma lo è anche tra Stoner e la Ducati e Stoner e Dovizioso. Questo – ha concluso il direttore generale Ducati Corse – contribuirà a sviluppare la moto”.