MotoGP Valencia, Rossi: “Non sono contento del setting”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

La prima giornata del Gran Premio di Valencia si chiude sottotono per Valentino Rossi che nelle Fp2 non va oltre l’ottava posizione. Il pesarese ha riscontrato qualche difficoltà al mattino con l’elettronica, poi con il set-up della YZR-M1, ma per domani non si può che migliorare e ridurre il gap per scalare la classifica e chiudere al meglio il campionato 2016 di MotoGP.

Il venerdì di Rossi sul circuito Ricardo Tormo ha riservato subito un contrattempo, quando la sua moto ha acceso una luce lampeggiante rossa costringendolo a ritornare ai box. Un episodio che gli ha fatto perdere meno di dieci minuti e non ha compromesso la giornata, eppure il buongiorno si vede dal mattino, anche se il Dottore la prende con filosofia e humour: “Il guaio al mattino? Il mio meccanico Bernie aveva lasciato il portafogli dentro il corpo farfallato”.

Al pomeriggio Valentino ha avuto difficoltà nel trovare il giusto assetto, mentre il suo compagno di squadra Jorge Lorenzo segnava il best-lap, forse spinto dal fattore circuito di casa. Domani si torna in pista alle 09:55 ora italiana e sarà di vitale importanza trovare il giusto bilanciamento e il setting ideale per affrontare al meglio le qualifiche e non far prendere il largo agli spagnoli.

“Mi sono trovato subito molto bene, pensavamo di essere a posto con la gomma dura oggi pomeriggio, con un po’ più di temperatura forse era anche meglio, invece sia che io gli altri abbiamo faticato tanto con la dura – ha raccontato Valentino Rossi ai microfoni di Sky Sport -. Il problema non è solo quello. Alla fine ho messo la morbida, sono andato un po’ meglio, ma sarà difficile fare la gara con la morbida al posteriore, soprattutto non sono contento del setting della moto, del bilanciamento, perchè non sono abbastanza veloce in entrata di curva, faccio troppa fatica e  mi manca qualche decimo, cercheremo di fare meglio”.