F1, Alonso a Massa: “Sei un bastardo ma ti amo”

Felipe Massa
Felipe Massa (©Getty Images)

Mancano due GP alla fine del Mondiale di Formula 1 e per Felipe Massa si avvicina il momento dell’addio, dopo 14 stagioni nel Circus, prima con la Sauber, poi con la Ferrari, infine con la Williams. Il pilota brasiliano in un’intervista a Fox Sports svela alcuni retroscena della sua carriera, il rapporto con Fernando Alonso e Michael Schumacher.

La scelta di lasciare le corse di F1 è dovuta soprattutto all’incapacità della scuderia inglese di fornirgli una monoposto all’altezza delle rivali. “Se mi avessero proposto una macchina competitiva avrei firmato, ma in questo momento non è facile. Ci sono quattro o cinque grandi squadre, ma la possibilità di avere una vettura che può mirare alla vittoria è sempre più difficile. Ho sempre voluto correre per la vittoria non per fare numero”, ha detto Felipe Massa alla vigilia del GP di Interlagos, l’ultimo davanti al suo pubblico di casa.

Rapporto con Alonso e Schumacher

Felipe ha inoltre raccontato alcuni retroscena del suo rapporto di “odio e amore” con Fernando Alonso, ex compagno di squadra Ferrari tra il 2010 e il 2013. Tra i due c’è stata sempre una certa rivalità, ma i rapporti sono rimasti ottimi. Quando Massa a Monza ha annunciato il ritiro dalla Formula 1, “Fernando è venuto da me, mi ha abbracciato e ha detto ‘sei un bastardo, ma ti amo… Alonso mi ha sempre trattato bene, non abbiamo mai avuto un problema. Ma era sempre più simpatico dietro di me che davanti”.

Molto diverso è stato il trattamento di Massa con Michael Schumacher: “Con lui non ho avuto un rapporto di amicizia come con Alonso. Per me è stato più un maestro che un compagno di squadra”, ha raccontato Felipe Massa. “Gli ho fatto visita quando dormiva, non è stato facile. La famiglia ha il diritto di fare quello che desidera e non raccontare ciò che sta accadendo”.