Livio Suppo: “Caduta di Marquez? I freni non c’entrano”

Livio Suppo
Livio Suppo (©Getty Images)

Marc Marquez ha azzardato la scelta dei dischi dei freni anteriori in carbonio, invece che in acciaio, a Sepang. Una decisione presa per essere più forte in staccata.

Lo spagnolo stava facendo una buona gara, non distante dalla zona podio, quando è caduto. Poi si è rialzato ed è riuscito a chiudere all’11° posto, ma la scivolata è costata un risultato decisamente migliore al campione del mondo. C’è chi si è interrogato sulla responsabilità che la scelta dei dischi in carbonio, invece che di quelli in acciaio solitamente utilizzati sul bagnato, ha avuto nell’incidente.

Livio Suppo sulla caduta di Marquez

Il rider della Honda ha detto che la sua scelta non c’entra nulla con quanto successo. E a suo supporto è intervenuto pure Livio Suppo. Il team principal HRC, citato da Speedweek, ha dichiarato: “Questa è stata la prima volta che Marc era con i freni in carbonio sul bagnato. Ha fatto questa scelta per essere competitivi nelle numerose zone di frenata difficili del circuito di Sepang”.

Il dirigente della Honda conferma quanto detto dal pilota e spiega ulteriormente la decisione presa: “Prima della partenza aveva piovuto, ma le temperature anche col bagnato erano abbastanza alte. E con quelle temperature si sentiva meglio con i dischi in carbonio che con quelli in acciaio, solitamente usati con la pioggia. Marc era soddisfatto della scelta e l’incidente non ha niente a che fare con essa”.

Livio Suppo si esprime sulla stessa linea di Marc Marquez. Decisione coraggiosa quella di adottare una soluzione diversa dagli altri piloti e non si stava neppure rivelando negativa. Però la caduta ha rovinato la gara del campione del mondo MotoGP 2016. Lo spagnolo ha denunciato problemi di accelerazione al termine della corsa. Seconda scivolata di fila dopo quella di Phillip Island, in Australia. Vedremo se nell’ultima corsa a Valencia risalirà sul podio.