MotoGP, Andrea Iannone: “Mi sono divertito molto con Valentino”

Andrea Iannone
Andrea Iannone (© Getty Images)

Al suo ritorno in pista dopo quattro gare di assenza, Andrea Iannone ha stupito tutti con una performance di alto livello nonostante le condizioni fisiche non ottimali. Peccato per quella caduta che gli ha precluso un podio decisamente meritato.

Il ducatista di Vasto ha smentito chi si aspettava una gara sottotono e ha spinto subito al massimo, tradito solo da un asfalto viscido che alla fine lo ha tradito. Nonostante la caduta, però, Iannone vede il bicchiere mezzo pieno: il duello iniziale con Valentino Rossi lo ha divertito e la gara di oggi gli ha regalato qualche nella sorpresa. “E’ stata una gara molto bella, sono partito molto forte ed aggressivo – ha dichiarato il pilota della Ducati dopo la gara, come riporta Motorsport – . Ho lottato molto con Valentino, c’è stata una battaglia intensa, mi sono divertito tanto. Anche se sono caduto sono molto contento, ho dato il massimo. Ero consapevole che la mia posizione in campionato non sarebbe cambiata dopo oggi e ho scelto di rischiare sino alla fine”.

Pazienza per la caduta che ha fatto sfumare la prospettive del podio. “La caduta non mi ha creato alcun problema fisico – assicura Iannone – . E’ la prima volta in carriera che cado e sono comunque contento perché ho fatto una grande gara. Sono riuscito a stare in testa, ho guidato molto forte, sono felice perché sono tornato su grandi livelli e nessuno se l’aspettava, probabilmente nemmeno io”. Certo, c’è ancora da lavorare per imporsi tra i piloti di testa, ma la strada intrapresa sembra quella giusta. “Mi è mancato qualcosa dato che non siamo riusciti a migliorare il set up della moto rispetto a ieri – riconosce il ducatista – . Dopo il warm up disputato sull’asciutto speravamo che non piovesse, invece la gara si è svolta in condizioni di bagnato. Abbiamo pagato il fatto di non aver girato nel secondo turno del venerdì quando avremmo potuto provare un setting differente a livello di trazione. Proprio la trazione è quella che ci è mancata oggi negli ultimi otto giri”. “Non essere al 100% fisicamente poi pregiudica il lavoro complessivo, ma il weekend è andato bene e sono comunque contento”, sottolinea, ribadendo in conclusione che “mi sono divertito molto nel duello con Valentino, a 37 anni è ancora un pilota fortissimo. Lui aveva più trazione di me e si è subito accorto dei miei problemi in uscita di curva. Sia Valentino che Dovizioso avevano una messa a punto migliore, mentre io mi sono difeso dignitosamente e questo mi rende felice”.