F1 GP Messico: ordine d’arrivo. Hamilton domina, Vettel sul podio

f1 gp messico 2016
(©Getty Images)

E’ terminato da pochi istanti il Gran Premio del Messico 2016 di F1. Sul circuito di Mexico City a vincere è stato Lewis Hamilton.

Il campione del mondo in carica trionfa senza troppi problemi e adesso è a 19 punti da Nico Rosberg, leader del campionato e oggi giunto secondo. Il tedesco si è difeso contro un compagno troppo superiore sul tracciato messicano.

Sale sul podio Sebastian Vettel, dopo che Max Verstappen è stato penalizzato di 5″ per aver tagliato una chicane e non aver dato la posizione al tedesco. L’olandese finisce quinto, dietro anche a Daniel Ricciardo. Sesto Kimi Raikkonen.

 

F1 GP Messico 2016: ordine di arrivo gara

1- 44 Lewis Hamilton Mercedes 01.24.218 71
2- 06 Nico Rosberg Mercedes  +8″354
3- 05 Sebastian Vettel Ferrari + 17″313
4- 03 Daniel Ricciardo Red Bull  + 20″858
5- 35 Max Verstappen Red Bull  +16″323
6- 07 Kimi Raikkonen Ferrari  +49”376
7- 27 Nico Hulkenberg Force India  +58″891
8- 77 Valtteri Bottas Williams +65″612
9- 19 Felipe Massa Williams  +76″206
10- 11 Sergio Perez Force India +76″798
11- 09 Marcus Ericsson Sauber  +1 giro
12- 22 Jenson Button McLaren  +1 giro
13- 14 Fernando Alonso McLaren  +1 giro
14- 30 Jolyon Palmer Renault  +1 giro
15- 12 Felipe Nasr Sauber  +70″570
16- 55 Carlos Sainz Toro Rosso  +1 giro
17- 20 Kevin Magnussen Renault + 1 giro
18- 26 Daniil Kvyat Toro Rosso  +1 giro
19- 21 Esteban Gutierrez Haas  + 1 giro
20- 08 Romain Grosjean Haas  +1 giro
21- 31 Esteban Ocon Manor +2 giri

F1 GP Messico 2016: racconto della gara

1/71 – Partenza molto vivace. Hamilton mantiene la prima posizione, ma taglia una chicane. Lotta tra Verstappen e Rosberg, che hanno un contatto. Il tedesco riesce a restare secondo. Non partono benissimo le Ferrari, infatti Raikkonen non guadagna posizioni e resta quinto. Invece Vettel viene passato da Massa. Tanti contatti e alcuni ritiri.

2/71 – Entra in pista la safety-car e Ricciardo sorprende tutti entrando al box, monta gomme medie con le quali potrebbe arrivare a fine gara. Ovviamente al rientro in pista si ritrova parecchio indietro.

4/71 – La safety-car rientra. La classifica vede Hamilton, Rosberg, Verstappen, Hulkenberg, Raikkonen, Massa, Vettel, Bottas, Perez e Sainz nella top 10.

10/71 – Ricciardo sta rimontando ed è 12°. Vettel prova a insidiare Massa, ma non riesce a superarlo. Il motore Mercedes della Williams si fa sentire.

12/71 – Hamilton è in testa con 3″8 su Rosberg, 6″1 su Verstappen, 7″6 su Hulkenberg e 8″5 su Raikkonen.

13/71 – Verstappen ai box, toglie le supersoft e monta le gomme medie.

14/71 – Lotta a quattro per la quinta posizione con Massa, Vettel, Bottas e Perez. Davanti Hamilton allunga su Rosberg. Raikkonen non riesce a insediare Hulkenberg.

15/71 – Hulkenberg e Massa ai box, gomma bianca per entrambi.

17/71 – Alonso ai box, monta pure lui le medie.

18/71 – Pit-stop di Hamilton, che ovviamente mente pneumatici bianchi. Rientra alle spalle di Vette.

20/71 – Ricciardo e Verstappen sono vicini a Bottas e Perez.

21/71 – Rosberg ai box, rientra terzo. Anche Raikkonen dentro, rientra alle spalle dei due Red Bull e davanti a Hulkenberg. Vettel primo, ma deve rientrare per il pit-stop. Poi c’è Hamilton vicino al tedesco. Mentre Ricciardo e Verstappen sono in coppia un po’ più staccati.

22/71 – Ricciardo fa passare Verstappen, che ha più ritmo con una gomma più nuova.

23/71 – Vettel è il più veloce in pista e guadagna su tutti praticamente.

25/71 – Impressionante la gara di Vettel, che gira su grandi tempi con la soft e deve ancora fare il pit-stop.

28/71 – Vettel ha 4″ su Hamilton, che ne ha circa 5 su Rosberg. A circa 2″8 dal leader del campionato c’è Verstappen, seguito a 2″6 da Ricciardo. Ora Seb sta perdendo, la sua gomma sta cominciando a perdere un po’.

29/71 – Vettel chiamato al box, non rientra.

32/71 – Seb fa il pit-stop, gomma bianca, la più fresca rispetto agli altri. Rientra pochi secondi dietro Raikkonen, è sesto.

36/71 – Hamilton è primo con circa 5″ di vantaggio su Rosberg, che ha Verstappen a meno di 2″.

38/71 – Vettel comincia a guadagnare qualcosa su Raikkonen.

42/71 – Vettel a 1″1 da Raikkonen. Hamilton ne ha 4 su Rosberg, che a sua volta ne ha poco più di 1 su Verstappen.

46/71 – Seconda sosta per Raikkonen, che monta ancora gomme medie. Rientra dietro a Hulkenberg.

48/71 – Vettel gira forte ed è a 4″8 da Ricciardo.

49/71 – Verstappen ha un gap inferiore al secondo rispetto a Rosberg.

50/71 – Verstappen prova a passare Rosberg in staccata, sembra farcela ma poi va lungo e riperde contatto.

51/71 – Ricciardo ai box, monta le soft. Rientra tra Hulkenberg e Raikkonen.

52/71 – Hamilton ha circa 7 secondi su Rosberg. Ricciardo ha passato Hulkenberg.

53/71 – Raikkonen si avvicina a Hulkenberg, circa 1″7 tra i due.

57/71 – Ricciardo tenta di rimontare su Vettel, il quale cerca a sua volta di ridurre il margine su Verstappen ma ha più di 6″ di gap.

59/71 – Raikkonen non riesce a superare Hulkenberg, che guida una Force India motorizzata Mercedes molto veloce in rettilineo.

63/71 – Vettel a circa 3″ da Verstappen, ma sta arrivando anche Ricciardo, che è a 7″5 e guadagna sul secondo al giro ormai.

65/71 – Vettel a 1″6 da Verstappen, mentre Ricciardo è a circa 6″ dal ferrarista.

67/71 – Vettel ha meno di 1″ di gap da Verstappen, mentre Ricciardo è solo 3″5 dal tedesco.

68/71 – Raikkonen ha superato Hulkenbeg e c’è un contatto tra i due che porta il tedesco a girarsi. Verstappen pressato da Vettel va lungo tagliando la chicane e deve dare la posizione a Vettel. Però l’olandese non la dà, nonostante l’avvertimento.

70/71 – Ricciardo prova a passare Vettel, ma non ce la fa e c’è un contatto tra i due. L’australiano perde terreno, mentre Verstappen ha allungato.

71/71 – Hamilton trionfa a Mexico City! Rosberg si difende ed è secondo. Sul podio Verstappen, la cui posizione non è sicura visto che dal box gli era stato detto di dare la posizione a Vettel, giunto quarto davanti a Ricciardo. Sesto Raikkonen con l’altra Ferrari.

 

Pochi minuti dopo la fine della gara viene comunicata la penalità a Verstappen, 5″ che lo retrocedono al quinto posto. Sale terzo Vettel e quarto Ricciardo.