MotoGP, Lin Jarvis: “Valentino è il Rinascimento Yamaha”

Lin Jarvis
Lin Jarvis (©Getty Images)

Lin Jarvis si racconta in un’intervista esclusiva a ‘La Gazzetta dello Sport’, dagli inizi della sua carriera come distributore inglese Yamaha, fino all’ingaggio di Valentino Rossi e ai giorni nostri. Uno scorcio di vita che diventa un’autentica pagina di storia e rivela piccoli retroscena sul nove volte iridato.

Il 58enne manager inglese comincia la sua lungimirante carriera in un negozio di Londra della Yamaha, fino a quando decide di girare l’Europa, approda a Roma ancora giovanissimo, dove gli svaligiano l’auto, fa persino l’agricoltore. Decide di scrivere a Yamaha Amsterdam e fu ingaggiato come responsabile vendite moto da gara, poi nel settore marketing, fino a quando l’arrivo di suo figlio lo costrinse a turni di lavoro prolungati, tanto da ammalarsi di fatica cronica. Nel 1998 inizia l’avventura con le corse, nel 2004 arriva Valentino in sella alla M1 e dalla storia passiamo alla leggenda… “E’ stato il capolavoro, il Rinascimento Yamaha”.

Il momento più difficile della sua carriera? La stagione 2015 “con Vale convinto che la gara (in Australia, ndr) fosse stata manipolata e dalla conferenza stampa di Sepang è cambiato tutto… Avrei sperato che Valentino non avesse detto niente. Spesso i piloti dovrebbero stare più zitti. Non credo che esprimere sempre la tua opinione sia necessariamente una buona idea, e questo concetto si applica a Valentino come a Jorge – ha confessato Lin Jarvis -. Se Rossi non fosse stato così duro in conferenza a Sepang, sono abbastanza sicuro che non ci sarebbe stata quella reazione enorme di Marquez. È stato il suo errore”.

Il manager di Iwata avrebbe preferito che il Dottore avesse gestito diversamente la situazione, probabilmente sarebbe stata la mossa vincente per vincere il suo decimo titolo iridato. “Ma sono piloti. Caldi, emozionali, non puoi controllarli, solo consigliarli”. E probabilmente senza quelle polemiche Jorge sarebbe rimasto in Yamaha… Ma adesso bisogna guardare avanti, all’arrivo di Vinales nel 2017 e al 2019, quando il mondo della MotoGP resterà attonito per conoscere il destino di Rossi: “Non vede i prossimi due anni come gli ultimi, ma capirà quando il momento sarà arrivato. È un leader, inizia ogni stagione convinto di poter essere campione – ha concluso Jarvis -. E io, da parte mia, non ho dubbi al proposito”.