Vinales ci prova, assalto al 3° posto di Lorenzo

Maverick Vinales
Maverick Vinales (©Getty Images)

Maverick Vinales cerca conferme a Phillip Island dopo una stagione brillante e molto promettente, tanto da guadagnarsi la fiducia del team Movistar Yamaha che dal 2017 lo affiancherà a Valentino Rossi. Ma nelle ultime tre gare di questo campionato vuole regalare altre soddisfazioni alla Suzuki e a Davide Brivio.

Un podio in Francia, vittoria in Gran Bretagna, un altro terzo posto a Motegi, ancora tre volte ai piedi del podio. Il fenomeno di Figueres stupisce tutti e in Australia ha chiare intenzioni di tentare un obiettivo importante: dare l’assalto al terzo posto di Jorge Lorenzo che dista appena 17 lunghezze in classifica. Un’impresa ardua ma non impossibile, se si considera che a Phillip Island e a Sepang il meteo potrebbe squilibrare gli equilibri in pista, come più volte accaduto in questo avvincente Motomondiale.

Galvanizzato dalla terza piazza di Motegi Maverick Vinales arriva su un circuito amico e con una moto nettamente progredita negli ultimi mesi e, in caso di pioggia, i big non rischieranno o potrebbero avere sgradite sorprese. “Phillip Islanda è una pista che mi piace molto. Sono sempre stato molto veloce qui. Tuttavia, dobbiamo vedere che tempo fa. Farà abbastanza freddo e il venerdì dovrebbe piovere. Tuttavia, la nostra motivazione è molto alta dopo aver mostrato una buona gara in Giappone. Vogliamo di più”.

Suzuki-Vinales, ottimo lavoro!

Vinales vuole osare di più e arrivare in sella alla Yamaha con un biglietto da visita che arreca il terzo posto in MotoGP, rifilando un colpo a sorpresa al connazionale di cui andrà a prendersi la moto. A inizio stagione sarebbe sembrata una folla idea, ma quel mago di Davide Brivio ci ha messo lo zampino, migliorando gara dopo la Suzuki GSX-RR e fornendo un buon trampolino di lancio alla futura stella della Top Class: “Abbiamo avuto una buona iniezione di cavalli e introdotto il cambio seamless – ha svelato Brivio a ‘La Gazzetta dello Sport’ -. Questo ci ha permesso non solo di difenderci meglio, ma anche di attaccare”.

Merito anche della centralina unica che ha aiutato a colmare il gap da Honda, Yamaha e Ducati, merito delle Michelin che hanno riservato colpi di scena, ma merito soprattutto a Maverick che ha dimostrato di avere la stoffa del fuoriclasse, tanto da essere scritturato dal team Movistar. Una proposta molto allettante a cui nessuno potrebbe dire no, o quasi. E Davide Brivio è pronto a scommettere che darà filo da torcere a Valentino Rossi: “Credo che arrivi pronto, dalla prima gara il suo obiettivo sarà stare davanti”.

 

Luigi Ciamburro