Lamborghini in F1? Domenicali frena: “E’ un sogno”

Logo Lamborghini
Logo Lamborghini (© Getty Images)

Una nuova stagione della Lamborghini tutta all’insegna della F1? L’ipotesi circola insistente da qualche giorno in qua negli ambienti del Circus (e non solo), ma i vertici della prestigiosa Casa automobilistica invitano a mantenere i piedi per terra.

Stefano Domenicali, presidente e ad del costruttore bolognese, ha parlato ai microfoni di Sky Sport 24 del futuro Gruppo che dirige, spiegando che per lui e tutta la famiglia Lamborghini la F1 è vista come un sogno, e – fermo restando che parlarne non è banale – per il momento le priorità sono altre. “La cosa bella – ha dichiarato il manager, ex Direttore della Gestione Sportiva della Ferrari – è vedere come la piattaforma del motorsport faccia parte anche del Dna della Lamborghini, questo è musica per le mie orecchie. Sicuramente la Formula 1 è un sogno che deve rimanere tale perché dobbiamo mantenere i piedi per terra e abbiamo altre priorità, questo deve essere chiaro”. E quali siano tali priorità è presto detto: “In primo luogo – ha spiegato Domenicali – , il consolidamento del nostro mercato, che sta crescendo e stiamo andando veramente bene. In secondo luogo, il lancio dell’Urus, che rappresenta il game changer per la nostra azienda, e il consolidamento dei nuovi clienti che faranno parte della famiglia Lamborghini“.

Lamborghini ha tra l’altro appena firmato un accordo con il MIT-Italy Program nella sede del Massachusetts Institute of Technology: un’alleanza tra due eccellenze assolute che ha una forte importanza strategica e mette in chiaro quelli che sono gli obiettivi del marchio bolognese per il futuro. Le parole dello stesso Domenicali non lasciano spazio all’immaginazione: “Vogliamo diventare sempre più il trend-setter nel segmento super lusso e auto sportive”, ha annunciato il manager, sottolineando che “il MIT è storicamente la frontiera dell’innovazione e siamo orgogliosi di aver siglato un accordo generale con questa illustre istituzione, con il quale si affronteranno argomenti di comune interesse sulla vettura del 3° millennio”. Gli sforzi si concentreranno sopratutto sullo sviluppo di nuovi materiali, settore in cui Lamborghini ha sempre puntato per affermarsi come marchio di punta.