MotoGP, Giacomo Agostini: “Marquez può diventare una leggenda”

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini (©Getty Images)

Giacomo Agostini è uno che di vittorie nel motociclismo se ne intende. Non a caso è colui che ha conquistato più titoli di tutti. Ben quindici, contro i tredici di Angel Nieto. Valentino Rossi è terzo a quota nove insieme a Mike Hailwood e Carlo Ubbiali.

Il grande Ago è ospite negli studi di Sky Sport nei weekend di gara del Motomondiale. L’opinione di un fuoriclasse del passato come lui è considerata sempre molto autorevole. I tempi, le moto e i regolamenti sono cambiati rispetto a quando correva lui, però il suo pensiero trova spesso molta condivisione tra gli appassionati di motociclismo.

 

 

Giacomo Agostini su Rossi, Marquez & C.

La trasmissione radiofonica Tutti Convocati, in onda su Radio24, lo ha interpellato per commentare il titolo vinto da Marc Marquez. Queste le sue parole: “Quest’anno ha fatto un grande campionato, ha guidato veramente da campione. Ha saputo risparmiarsi quando c’erano delle difficoltà. Ha corso un po’ di gare con tanta aggressività e altre usando la testa, facendo il ragioniere. Se lo è meritato il titolo, ha fatto cose da grande vecchio campione. E’ sulla strada per diventare uno di quelli che vincono nel tempo. Quest’anno ha vinto, l’anno scorso no, ma due anni fa sì. Direi che c’è da aspettarsi ancora tanto, perché è molto giovane”.

Dopo aver giustamente lodato il campione del mondo, considerandolo una potenziale leggenda, Giacomo Agostini parla di quanto successo in Yamaha: “In Yamaha hanno interpretato il nuovo regolamento più velocemente degli altri, infatti la moto all’inizio era superiore a tutte le altre. Poi la Honda, lavorando durante l’anno, è migliorata e quindi si sono avvicinati. E aveva un grande campione come Marquez, che quest’anno ha corso anche con la testa oltre che con il cuore, e ha vinto meritatamente. Poi ultimamente le moto erano abbastanza livellate”.

Per l’ex pilota è complicato fare previsioni in vista della prossima stagione, quando Jorge Lorenzo passerà in Ducati e Maverick Vinales in Yamaha: “Difficile dire cosa succederà l’anno prossimo. Bisognerà vedere durante l’inverno chi lavorerà meglio e darà al pilota la miglior moto. E’ presto, però penso che Yamaha e Honda saranno sempre quelle da battere. Sono due grandi case con grande esperienza. Anche la Suzuki sta facendo grandi cose. E pure la Ducati sta migliorando anno dopo anno, speriamo che anche essa riesca a fare qualcosa di buono”. I test invernali chiariranno meglio la situazione, serve attendere qualche mese.

Infine a Giacomo Agostini viene chiesto se Valentino Rossi ha sbagliato qualcosa nel 2016: “Non si possono dare colpe. Per vincere bisogna dare il 100% e anche di più. La scivolata ci sta. Marquez è caduto tanto in prova e praticamente mai in gara. Rossi mai in prova e invece tre volte in gara. La caduta ci sta quando lotti e sei al limite purtroppo può succedere”. Il quindici volte campione del mondo assolve il Dottore, reo però di essere caduto troppe volte.