Motegi, Lin Jarvis: “Valentino ha spinto troppo”

Lin Jarvis
Lin Jarvis (©Getty Images)

Lin Jarvis analizza la debacle di Motegi e le cadute di entrambi i suoi piloti in un week-end che immaginava diverso e dove il team di Iwata partiva con i pronostici a favore.

Yamaha accusa un duro colpo in casa Honda: Valentino Rossi e Jorge Lorenzo cadono e non tagliano il traguardo su un circuito che alla vigilia li vedeva favoriti, Marc Marquez diventa campione del mondo con quattro gare di anticipo.

Non poteva esserci week-end peggiore per la scuderia di Iwata che deve gettare la spugna e pensare già alla prossima stagione, con pochi stimoli a Phillip Island, Sepang e Valencia se non quello di vedere i suoi due piloti lottare per il titolo di vicecampione del mondo. Nelle parole di Lin Jarvis la delusione di una domenica da archiviare quanto prima e di una stagione che dovrà servire per trarre insegnamenti in vista del futuro.

“Peccato perchè pensavo che potevamo avere tutti e due i piloti sul podio e vincere la gara – ha ammesso il boss Yamaha ai microfoni di Sky Sport -. Non è andata così, peccato non solo per la gara ma anche perchè il campionato è finito. Marc ha vinto oggi, complimenti a lui e alla Honda”.

Una stagione difficile e sfortunata per Yamaha

Troppi errori, troppe cadute in un campionato dove si poteva dare di più e lottare quantomeno fino all’ultima gara, ammesso di essere riusciti a trovare un po’ più di trazione su una Yamaha YZR-M1 competitiva ma non impeccabile: “Difficile spiegare certi risultati, è stata una stagione strana in generale, anche noi abbiamo fatto qualche errore, ad esempio oggi Valentino ha spinto troppo, abbiamo difficoltà con le gomme, mentre i nostri concorrenti hanno migliorato, poi si è messo il meteo… Oggi era bel tempo, non siamo riusciti a salire sul podio, ma la vita è così”.

Parole amare per il Managing Director della casa giapponese che dovrà spronare l’ambiente per il 2017 e ritrovare in Valentino Rossi quel campione senza sbavature: “Mi ha spiegato che ha spinto un po’ troppo, voleva raggiungere Marc davanti, negli anni scorsi la gomma anteriore dava più informazioni quando eri al limite. Con Michelin non è così, non significa che non è una buona gomma, ma lasciano meno margine di fare errore. Quest’anno Vale è caduto tre volte – ha concluso Lin Jarvis – e sicuramente non è una stagione normale”.