Robot Yamaha sfida Valentino Rossi: nel 2017 il gran duello

(Foto La Repubblica)
(Foto La Repubblica)

Un robot è pronto a sfidare Valentino Rossi in pista. Il tutto dovrebbe avvenire a fine 2017 sul circuito da 4 chilometri di Sugo, 2 ore a nordest di Motegi. A scriverlo è il quotidiano La Repubblica.

Si chiama MotoBot l’umanoide in grado ad oggi di guidare una Yamaha a ben 200 km/h. E l’anno prossimo sarà capace di fare ancora meglio. La casa di Iwata sta proseguendo nello sviluppo e andrà avanti. Il robot e il pilota MotoGP si sono già incontrati nel tracciato utilizzato abitualmente per i test. Entrambi in sella a una R1. Da una parte l’umano e dall’altra un insieme di sensori, circuiti e algoritmi in grado di accelerare, frenare, cambiare marcia e individuare la traiettoria migliore.

Valentino Rossi ha commentato: “La prima volta che l’ho visto in un video mi sembrava incredibile. Ma dal vivo è stato pazzesco”. La prossima sfida tra i due dovrebbe prevedere una gara vera e avvenire verso fine 2017, quando gli ingegneri Yamaha annunceranno i progressi effettuati in questo progetto nato 15 anni fa. Il robot sta facendo progressi importanti in questo periodo, anche grazie alle informazioni che arrivano dalla MotoGP e direttamente dal Dottore e Jorge Lorenzo. Sarà interessante vedere chi tra l’uomo e la macchina avrà la meglio.

La Repubblica scrive che MotoBot può diventare il collaudatore ideale della Yamaha sia per la MotoGP che per la Superbike. A livello sportivo, ma pure a quello commerciale. L’obiettivo della casa di Iwata è giungere alla perfezione: l’umanoide deve essere in grado di guidare senza errori, trasportando all’occorrenza pure un passeggero. Valentino Rossi si è detto impressionato da tutto ciò e infatti ha detto: “Sarebbe meglio se per ora gli scienziati si dedicassero soprattutto ai calciatori-robot, invece che ai piloti. Vorrei correre ancora per qualche altro anno, grazie”. La risposta ironica del nove volte campione del mondo.