MotoGP, Marc Marquez: “Stamattina Valentino non era male”

Marc Marquez
Marc Marquez (© Getty Images)

Marc Marquez ha aperto questo venerdì di prove libere a Motegi con un secondo e un quarto posto nelle prime due sessioni. Risultati non certo brillanti per il Fenomeno di Cervera, ma con il titolo iridato ormai a un passo è logico che il Nostro non vuole correre il rischio di vanificare tutto proprio a fine stagione. Il centauro spagnolo della Honda è rimasto però colpito dalla caduta del compagno di squadra Dani Pedrosa.

“Vedendo la caduta di Dani Pedrosa è ancor più importante prendere le cose con calma – dice Marquez dopo le prove in pista, come riporta Marca – . È una cosa che tengo sempre ben presente, quando dico questo la gente pensa che sia facile. Ma in MotoGP ogni volta che scendiamo in pista siamo sempre esposti al rischio di un infortunio”. Secondo il catalano, quella del suo compagno di squadra “è stata sfortuna, stava uscendo dei box senza neppure spingere”. Massima solidarietà da parte sua, visto che l’incidente è capitato nel momento meno opportuno: “Gli auguro una pronta ripresa, perché stava tornando il Dani di sempre, era nel suo miglior momento della stagione – prosegue Marquez – . È un elemento molto importante della squadra e per me, perché condividiamo la telemetria, ma ancor di più per il Mondiale costruttori”.

Quanto alla sue performance nelle odierne prove libere, “Stamattina mi sono trovato meglio di quanto mi aspettassi su questo circuito. Sono andato in pista con molta forza e convinzione – e forse questa è stata la chiave. Nel pomeriggio ho iniziato a lavorare sulla messa a punto della moto, con i diversi pneumatici. Con la dura al posteriore mi sono preso uno spavento perché stavo quasi per cadere. Successivamente con l’anteriore dura non sono riuscito a evitare la scivolata, che fortunatamente è stata molto soft e mi ha permesso di continuare il turno, migliorando anche il mio tempo sul giro”. Il bilancio è comunque positivo: “In generale sono contento della mia giornata”. Infine Marquez si lascia andare a una valutazione sul ritmo mostrato in pista in vista della gara di domenica: “Sul ritmo siamo tutti allo stesso livello – dice – . Al mattino forse ero il più veloce insieme a Lorenzo, ma anche Valentino non era male, così come Dovizioso e Viñales. Però nel pomeriggio ci siamo tutti livellati, i piloti vanno in pista con gomme differenti e fanno molte prove. Vedremo il vero ritmo nella quarta sessione”.