Motegi, Valentino Rossi: “Sabato cercheremo qualcosa di diverso”

Valentino Rossi a Motegi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Per Valentino Rossi la prima giornata di prove libere a Motegi non è andata secondo le previsioni, con una gomma anteriore ancora difficile da gestire e un set-up che deve ancora trovare la miglior risoluzione. Il venerdì del Dottore si chiude al 7° posto ma ci sono ampi margini di miglioramento in vista del sabato.

A comandare la classifica dei tempi del venerdì giapponese è la Yamaha di Jorge Lorenzo che conquista il best lap nelle fasi finali delle FP2. Valentino Rossi registra un distacco di 381 millesimi dal compagno di squadra e dovrà correre ai ripari se vorrà continuare a mantenere accesa la flebile speranza di dare l’assalto al titolo iridato. Ancora una volta Marc Marquez cade senza conseguenze, ma è in gara che si fanno i punti e al momento restano 52 quelli di distacco dalla leadership, a quattro gare dalla fine del Mondiale di MotoGP. Ma guai a non guardarsi alle spalle, perchè a -14 c’è un Lorenzo arrembante che vorrà togliersi l’ultimo sfizio prima di lasciare la Yamaha per la Ducati.

“La mattina non è andata così male, mi sono sentito molto bene con la moto – ha dichiarato il pesarese -. Ero abbastanza forte. Ma nel pomeriggio abbiamo sperimentato un esercizio difficile. Abbiamo provato le gomme dure, ma non funzionano. Nell’ultima uscita ho avuto le gomme giuste e non erano così male. Sono stato in grado di migliorare il mio tempo sul giro. Ma con l’impostazione della moto non mi sento ancora bene. Sabato cercheremo qualcosa di diverso. Useremo anche le gomme più morbide, per capire meglio. Poi vedremo”.

Ma i problemi da risolvere sono evidenti soprattutto in frenata e nel bilanciamento della YZR-M1: “Soprattutto in frenata ho grossi problemi, domani cercheremo di migliorare l’equilibrio ed essere più veloci. Questo pomeriggio abbiamo avuto purtroppo un sacco di incidenti, e qualche problema per Pedrosa – ha concluso Valentino Rossi -. Faccio un in bocca al lupo a Pedrosa!”.