MotoGP, circuito di Sepang modificato e reso più veloce

(©Getty Images)
(©Getty Images)

La MotoGP torna in pista nel prossimo week-end a Motegi, in Giappone, per la prima di tre gare ravvicinate. Si correrà ogni sette giorni e dopo l’appuntamento giapponese il Motomondiale sbarcherà prima in Australia e poi infine in Malesia.

Nel 2015 il Gran Premio di Sepang è stato teatro di uno dei duelli più clamorosi della storia del motociclismo. Tutti ricordiamo l’attacco di Valentino Rossi a Marc Marquez in conferenza stampa al giovedì e la successiva lotta in gara con lo spagnolo. Una battaglia durissima che ha portato il Dottore a perdere la pazienza nei confronti di un rivale che, a suo dire, gli stava sabotando il campionato. Tutti conosciamo cosa avvenne. Quest’anno si dovrebbe arrivare a questo appuntamento in un clima diverso, anche se il pilota italiano di recente ha ancora attaccato l’avversario.

Speriamo, però, che stavolta si possa parlare solo di sport e non di altre situazioni. Per l’occasione il circuito di Sepang si presenterà modificato rispetto all’anno passato. Il Corriere dello Sport rivela che è stato migliorato il drenaggio e il tracciato risulterà più veloce del solito. L’angolazione dell’ultima curva è stata modificata, così da rendere più possibili i sorpassi ed evitare eventuali flussi d’acqua. La superficie è stata rinnovata, eliminando diversi dossi, e ciò dovrebbe renderla più guidabile. Infine sono state migliorate pure le vie di fuga in tre curve, nelle quali l’asfalto è stato sostituito dalla ghiaia.

Capiremo venerdì, prima giornata di prove libere, se i piloti avranno apprezzato le modifiche apportate. Sulla carta si tratta di cambiamenti tutti positivi e non ci dovrebbe essere niente da ridire. La cosa importante in Malesia sarà lo spettacolo, sempre corretto e leale. Ci aspettiamo di assistere gare molto combattute in tutte e tre le classi del Motomondiale. La MotoGP è quella più famosa, ovviamente, però le emozioni non mancano neppure in Moto3 e Moto2. Appuntamenti che gli appassionati di motociclismo non possono perdersi.