Rosberg mette pressione a Hamilton, il Mondiale passa per Suzuka

Lewis Hamilton e Nico Rosberg
Lewis Hamilton e Nico Rosberg (©Getty Images)

Nico Rosberg conquista la pole position del GP del Giappone e mette ulteriore pressione al compagno di squadra Lewis Hamilton, in seconda piazza al termine della Q3 per una manciata di millesimi. Ma ancora una volta sarà una lotta serrata fra due compagni e rivali, con il campione in carica che non può permettersi errori dopo la rottura del motore a Sepang.

Nico Rosberg partirà dalla pole e con 23 punti di vantaggio in classifica che possono rivelarsi un bottino d’oro in assenza di imprevisti. In caso di vittoria a Suzuka nelle quattro restanti gare gli basterebbe piazzarsi sempre secondo in caso di un poker di vittorie di Hamilton. Ma sono conti azzardati e lontani dalla realtà di un campionato che, soprattutto in queste fasi finali, sta riservando grosse sorprese, con Red Bull e Ferrari pronte a strappare posizioni, podi, punti.

“Naturalmente sono felice del risultato finale. Siamo andati bene tutto il weekend e ho avuto un buon bilanciamento della vettura che mi ha permesso di compiere un giro del genere alla fine – ha detto il leader del Mondiale -. Di sicuro la partenza sarà molto importante domani, sarà una sfida interessante, ma è comunque un fine settimana non troppo facile, perché è il grip è stato più basso del solito. Bisogna vedere quanto durerà un pneumatico per arrivare a fare un lungo stint e trovare la giusta strategia”.

Al suo fianco in griglia di partenza ci sarà ancora una volta Lewis Hamilton che finora non ha nulla da rimproverarsi. Nell’ultimo tentativo della Q3 ha fatto un piccolo errore in curva 8, dove ha perso quel decimo che gli avrebbe consentito di mettersi davanti, ma sarà il passo gara a decidere l’esito del round nipponico: “Nico è molto veloce qui, il gap avrebbe potuto essere più grande, ho lavorato sodo per ridurlo e ci sono riuscito. Ovviamente 80 cm non sono molti, sarebbe meglio fossero stati in mio favore, ma spero che domani diventino 8 metri di vantaggio per me”.