MotoGP, Andrea Dovizioso: “Iannone egoista. Lorenzo faticherà in Ducati”

Andrea Dovizioso Andrea Iannone
Andrea Dovizioso e Andrea Iannone (©Getty Images)

Andrea Dovizioso si è guadagnato la conferma in Ducati per il 2017 e sarà il compagno di Jorge Lorenzo. Questo è ormai assodato da tempo, ma c’è un campionato MotoGP 2016 ancora da concludere.

Mancano quattro gare alla fine e il pilota forlivese è a secco di podi da cinque. Il suo obiettivo sarà quello di tornare tra i primi tre, anche se è molto difficile. Ci sono Marc Marquez, Valentino Rossi e Jorge Lorenzo sempre favoriti e un Maverick Vinales spesso competitivo con la Suzuki. Dunque vi è molta concorrenza e non è facile.  Il prossimo appuntamento è in Giappone a Motegi, dove nelle ultime due edizioni è arrivato quinto. La Desmosedici dovrà dimostrarsi a livello di Yamaha e Honda per poter ambiare a un risultato importante con i suoi piloti. Nel team c’è abbastanza ottimismo in vista di quell’impegno.

Andrea Dovizioso punge Andrea Iannone

Il noto portale MotorSport è andato ad intervistare proprio Andrea Dovizioso. Subito è stato chiesto un commento su questa stagione, in cui i passi in avanti non sono mancati da parte di Ducati: “Dobbiamo essere felici della velocità che abbiamo mostrato. Quello che ci è mancata è stata la costanza, l’essere competitivi su ogni tracciato. Dobbiamo correggere diverse cose sulla moto dell’anno prossimo, perché il prossimo anno vogliamo lottare per il titolo”.

Ci sono ambizioni importanti per il prossimo anno. Si punta a vincere un Mondiale che manca dal lontano 2007, quando fu Casey Stoner a trionfare. Resta l’unico successo della scuderia di Borgo Panigale nel Motomondiale, anche se poi sono arrivate delle vittorie singole e dei podi. Ma non basta. I vertici dell’azienda vogliono di più e non a caso hanno ingaggiato Jorge Lorenzo, campione del mondo in carica. E a proposito dello spagnolo, Andrea Dovizioso esprime il proprio pensiero sul fatto che il futuro compagno dovrà adattarsi a una moto completamente diversa: “Il cambio che abbiamo affrontato io o Valentino era molto più grande di quello a cui va incontro Jorge. Nonostante questo, non credo che sarà facile perché lui conosce solo la M1”.

La Ducati ha fatto passi da gigante rispetto a quando ci salirono sopra prima Valentino Rossi e poi il forlivese. Sicuramente per Jorge Lorenzo non sarà una passeggiata, ma sarebbe stato più complicato se si fosse trovato nella situazione dei due colleghi. Invece ritroverà un mezzo profondamente cambiato e competitivo, seppur necessiti di miglioramenti. Andrea Dovizioso spiega il difetto principale: “La nostra moto fa fatica a girare. Quando entri in curva e molli il freno, non ancora veloce come le altre”.

Il pilota italiano è stato anche interpellato sulla convivenza con Andrea Iannone. Si sa che i due non si amano e, infatti, il 31enne di Forlimpopoli non ha mancato di criticare il suo attuale compagno e futuro rider Suzuki: “Non è un pilota con cui è possibile lavorare come una squadra. Pensa di essere molto importante e pensa solo a se stesso, quindi è dura stabilire una relazione che possa permettere di sviluppare la moto insieme”. Parole pesanti le sue e vedremo se l’abruzzese replicherà.